Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Vendevano Bimby su Facebook, ma era una truffa
Smascherata coppia. 41enne di Maniace fra vittime

Il lavoro dei carabinieri del comune catanese ha permesso di denunciare un 58enne e una 24enne per truffa in concorso. Usando un profilo falso, si facevano ricaricare la carta PostePay ma la merce acquistata non veniva mai consegnata

Redazione

Sono stati i carabinieri della stazione di Maniace a smascherare e denunciare una coppia di napoletani, lui un pregiudicato di 58 anni, lei una 24enne già gravata da precedenti di polizia, poiché ritenuta responsabile del concorso in truffa.

Utilizzando un falso profilo Facebook con lo pseudonimo Maria Cusumano, proponevano la vendita, fra tanta altra merce, di un famoso elettrodomestico, il Bimby TM 31, al costo di 250 euro. A cadere nella rete una 41enne di Maniace la quale, utilizzando il numero telefonico indicato sull'annuncio online, si metteva in contatto con la donna che, dopo una breve contrattazione, le indicava il numero di una carta PostePay, intestata all’uomo, dove avrebbe dovuto versare la metà della somma pattuita per la compravendita della merce.

Ricarica di 125 euro effettuata, denaro sparito, merce mai consegnata. Alla poveretta non è rimasto altro da fare che rivolgersi ai carabinieri i quali, acquisita la denuncia, si sono messi al lavoro ricostruendo in maniera certosina la vicenda scoprendo il falso profilo, il titolare della carta prepagata, nonché l’utenza cellulare utilizzata dalla giovane donna per farsi contattare dall’ignaro acquirente. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×