Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Dalle faglie dell'Etna troppo radon, gas cancerogeno
Ingv: «Le abitazioni dei catanesi vanno monitorate»

I ricercatori hanno installato dei sensori in sette edifici del Catanese. Più le case erano vicine alle fratture, più era alta la quantità di radon all'interno. Concentrazioni troppo elevate di questo agente invisibile, secondo l'Oms, sono un rischio per la salute

Francesco Vasta

Uno studio dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) rilancia l'allarme per un pericolo invisibile: le emissioni di radon dalle faglie che solcano i fianchi, densamente abitati, del vulcano Etna. Il gas, inodore, incolore e insapore, è stato collocato dall’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) nel gruppo 1, ovvero quello che racchiude i più pericolosi per la salute umana perché cancerogeni. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista internazionale Frontiers in Public Health. Numerosi studi internazionali compiuti in diversi Paesi hanno finora attestato come l'esposizione prolungata al radon sia un fattori di insorgenza del tumore al polmone.

La dinamica descritta dagli esperti è semplice e nota già da tempo: le faglie del vulcano fratturano le rocce, agevolando il movimento verso la superficie di gas e fluidi. Tra questi gas, emerge anche il radon, un agente che così contamina edifici e ambienti destinati all'uso umano. Ma è la sintesi che implica lo studio Preliminary Indoor Radon Measurements Near Faults Crossing Urban Areas of Mt. Etna Volcano - firmato dai ricercatori Marco Neri, Salvatore Giammanco e Anna Leonardi - a mettere in luce il potenziale pericolo per la salute umana: le abitazioni con maggiore presenza di radon al loro interno sono ubicate in prossimità di faglie attive. In altre parole, più le case monitorate erano vicine alle faglie, più era alta la quantità di radon al loro interno.

Per tre anni sono state registrate misure continue da dodici sensori collocati in sette edifici sulle pendici meridionali e orientali del vulcano, nei territori di Giarre, Zafferana Etnea, Aci Catena, Aci Castello e Paternò. La rete Ingv monitora 24 ore su 24 l'emissione di radon, elemento utile per interpretare l'attività sismica e vulcanica dell'Etna in raccordo alle altre stazioni di monitoraggio.

Le faglie attive sull'Etna e l'ubicazione dei sensori radon indoor dei ricercatori Ingv

I sensori indoor hanno rilevato concentrazioni medie annue spesso superiori a 100 Bq/m3 (Bequerel per metro cubo), valore che corrisponde al primo livello di attenzione per esposizione media annuale raccomandato dall'Oms. In alcuni casi, tale concentrazione media è risultata maggiore di 300 Bq/m3, con punte superiori a 1000 Bq/m3 registrate per molti mesi consecutivamente. Questi dati completano i rilevamenti Ingv delle concentrazioni di radon misurate sui suoli dell’Etna negli anni passati, che hanno mostrato valori variabili da poche migliaia a oltre 70.000 Bq/m3.

Per quanto, dunque, il campionamento di radon riguardi un numero limitato di abitazioni, secondo i ricercatori dell'Ingv i dati raccolti evidenziano un «potenziale problema per la salute della popolazione etnea, che ammonta quasi a un milione di persone». L'Ingv sottolinea come sarebbe «opportuno e utile approfondire ed estendere questo monitoraggio a un campione di edifici maggiormente corposo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.