Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Stupro piazza Europa, gravi indizi contro indagati

Redazione

Gli atti di indagine «permettono di ritenere suffragata la gravità indiziaria in ordine ai reati ascritti a tutti e tre gli indagati». Lo scrive il tribunale del riesame di Catania nelle motivazioni con cui, l'11 aprile scorso, ha confermato l'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dei tre giovani arrestati per violenza sessuale su una 19enne statunitense, fermati dai carabinieri il 26 marzo scorso. 

Indagati sono Roberto Mirabella, assistito dagli avvocati Luigi Zinno e Giuseppe Rapisarda, Agatino Valentino Spampinato, difeso dai legali Giovanni Avila e Monica Catalano, e Salvatore Castrogiovanni, rappresentato dalla penalista Maria Luisa Ferrari. I legali stanno preparando ricorso in Cassazione. Il tribunale del riesame sottolinea «il grave stato di inferiorità psichica della vittima», fatto di cui «gli indagati avevano piena consapevolezza». Dal video del rapporto di due di loro con la 19enne, scrivono i giudici, «trovato nei cellulari dei tre» fa «trapelare un atteggiamento complessivo» della giovane che «appare evidentemente non vigile, in balìa degli indagati che, incuranti del suo rifiuto nonostante tutto manifesto, abusano di tal abbassamento di difese da parte della ragazza». 

Mentre «è escluso che la loro capacità di giudizio fosse alterata e che, parimenti, i loro livelli di autocontrollo fossero diminuiti». Il tribunale ritiene «coerente e logico nei vari passaggi, immune da contraddizioni» il racconto della vittima. E sul presunto rapporto sessuale che la 19enne avrebbe avuto dopo la violenza subita con uno degli indagati il riesame lo giudica un «post factum inidoneo a inficiare la solidità dell'impianto accusatorio». E in ogni caso «oltre a non dover essere oggetto di valutazione etica nella sede processuale il fatto trova spiegazioni scientifiche sul piano psicologico che esulano da questa trattazione e non scalfisce la gravità del quadro indiziario sui fatti oggetto di contestazione». 

(Fonte: Ansa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.