Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

UniCt, Alfieri nominata nuova accademica della Crusca

Redazione

La prof.ssa Gabriella Alfieri, ordinaria di Storia della Lingua italiana nel dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Catania, è stata nominata nuova accademica ordinaria della Crusca, istituzione che raccoglie studiosi ed esperti di linguistica e filologia della lingua italiana e che rappresenta una delle più prestigiose istituzioni linguistiche d'Italia e del mondo. Il corpo accademico della Crusca si compone di tre classi: gli accademici ordinari, gli accademici corrispondenti italiani e i corrispondenti esteri. La docente catanese entra ufficialmente a far parte della prima classe. Ciascun ruolo prevede un numero di 20 componenti, oltre agli emeriti. Tutti gli accademici sono nominati a vita dal Collegio degli Accademici.

Il curriculum accademico e scientifico della prof.ssa Alfieri è particolarmente ricco. Importanti sono i suoi studi sull’italiano dell’Ottocento, dalla scrittura letteraria al dibattito intorno alla lingua, alla politica linguistica. A Verga, in particolare, Gabriella Alfieri ha dedicato molti studi divenuti fondamentali. Dal 2011, dopo essere stata nominata presidente del Consiglio scientifico della Fondazione Verga e del Comitato per l’Edizione nazionale delle Opere dello scrittore, ha siglato con l’Accademia della Crusca un apposito accordo di collaborazione per la digitalizzazione di testi del Verismo, messi in seguito a disposizione dell’Accademia per la redazione del vocabolario dinamico dell'italiano moderno (Vodim). I suoi lavori hanno trattato anche i temi del romanzo barocco, l’italiano dei media, la didattica dell’italiano. Ha fatto parte del Direttivo della Società internazionale di Filologia e Linguistica Italiana (Silfi) e del Direttivo dell’Associazione per la Storia della Lingua italiana (Asli). Numerosi anche i suoi incarichi istituzionali: è stata presidente del corso di laurea in Scienze della Comunicazione di Catania ed è attualmente presidente del Centro linguistico multimediale d’Ateneo (Clma).

Radunatosi lo scorso 9 maggio, il Collegio ha nominato, oltre alla prof.ssa Alfieri, altri cinque nuovi accademici ordinari: Ilaria Bonomi (Università di Milano), Michele Cortelazzo (Università di Padova), Nicola De Blasi (Università di Napoli “Federico II”), Alessandro Pancheri (Università di Chieti-Pescara “Gabriele D’Annunzio”) e Pietro Trifone (Università di Roma “Tor Vergata”). “Con queste nomine – commentano dalla storica istituzione fiorentina - l’Accademia, impegnata in grandi progetti filologici e lessicografici, come il glossario dantesco, il vocabolario dell’italiano postunitario e il lessico degli italianismi nel mondo, ha voluto intensificare i rapporti con studiosi, già tutti Accademici corrispondenti, che potranno sostenerla validamente nei compiti che ha davanti a sé”.

(Fonte: Ufficio stampa università degli Studi di Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×