Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giornalisti La Sicilia minacciano lo stop agli articoli
«Se non serviamo più ci venga detto chiaramente»

In 30, tra i corrispondenti del quotidiano di viale Odorico da Pordenone, hanno aderito all'istanza. Nel mirino i commissari nominati dopo il sequestro della società editrice al patron Mario Ciancio Sanfilippo, a processo per i presunti legami con Cosa nostra

Dario De Luca

«Non abbiamo avuto alcuna risposta sui mancati pagamenti degli anni passati né garanzie sulle collaborazioni più recenti». Sono le parole, scelte da 30 giornalisti, collaboratori del quotidiano La Sicilia, per aprire una lettera appello ai vertici amministrativi della Domenico Sanfilippo editore. Società in amministrazione giudiziaria proprietaria del giornale con sede in viale Odorico Da Pordenone. «Vogliamo fare sentire la nostra voce di giornalisti che svolgono attività con professionalità e dedizione. Per questo annunciamo fin da ora azioni eclatanti, senza escludere scioperi con l'interruzione a scrivere articoli e a proporre le nostre segnalazioni alla redazione». 

L'annuncio è stato sottoscritto dai collaboratori del quotidiano che si occupano delle pagine della provincia di CataniaI malumori erano nell'aria da tempo, già prima dell'arrivo dei commissari nominati dal tribunale Misure di prevenzione. Lo stesso che in primo grado ha disposto un maxi confisca antimafia nei confronti dell'imprenditore Mario Ciancio Sanfilippo. Storico direttore e proprietario della foliazione fondata nel 1945, sotto processo per concorso esterno in associazione mafiosa. Dopo l'arrivo dei commissari Angelo Bonomo e Luciano Modica a dirigere il quotidiano è il giornalista Antonello Piraneo. «Abbiamo evitato perché fiduciosi - si legge nella lettera - in risposte precise a istanze prima ben note alla proprietà e poi conosciute dai commissari straordinari. Risposte, però, mai arrivate, al di là di vaghi e generici impegni». 

Alcuni collaboratori sottolineano l'attesa per le spettanze del loro lavoro. Arretrati che si accumulerebbero ormai da diversi anni: «La liquidazione è avvenuta a singhiozzo, senza peraltro ricevere i cedolini di avvenuto pagamento (dettaglio che crea parecchio confusione). Ci sono corrispondenti che –nonostante la loro puntualità a consegnare mensilmente le note di collaborazione– avanzerebbero anche svariate migliaia di euro. Eppure nessuno ci ha dato alcuna garanzia né per le spettanze passate né per quelle maturate dall’insediamento dei commissari straordinari. C’è chi segnala, inoltre, che dai prospetti personali Inpgi non figurerebbero versamenti dei contributi previdenziali relativi agli ultimi anni». 

Una situazione ritenuta «ormai insopportabile» con alcuni corrispondenti che da tempo hanno deciso di fermare la loro collaborazione con il quotidiano. «Ne va della credibilità aziendale e della qualità dell’informazione, che in mancanza dell’apporto qualificato dei corrispondenti verrebbe, di fatto, inzuppata di comunicati di palazzo o note copia-incolla, mortificando una sezione del giornale (quella delle pagine provinciali) che è fonte di richiamo dei lettori. Finora siamo stati comprensivi (il momento storico, la crisi del settore, il calo degli introiti pubblicitari…) ma è chiaro –viene sottolineato– che non possiamo continuare a lavorare gratis». Il rischio adesso è quello che diversi giornalisti possano decidere di non inviare più i loro articoli. «Ecco perché ci sentiamo costretti ad annunciare azioni di protesta. Con l’auspicio che possa servire ad intraprendere un dialogo serio e fattivo con l’amministrazione de La Sicilia». La protesta potrebbe partire già dalle prossime settimane.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.