Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

I cartelli dell'anti-pubblicità che tappezzano Catania
«Provocatori contro il monopolio dell'informazione»

I manifesti dei marchi più disparati, da qualche giorno, sono coperti da opere di street art irridenti. «Vogliamo comunicare creativamente, non abbellirre un quartiere», spiegano a MeridioNews gli artisti che si sono ispirati a quanto già visto a Varsavia

Giorgia Lodato

Foto di: Special Patrol Group

Foto di: Special Patrol Group

La parola Ruinair, se pronunciata, può non avere nessun significato per chi la ascolta. Ma, se stampata su un cartellone e associata all'immagine di hostess della nota compagnia aerea, al blu e al giallo delle loro divise, alle maschere per respirare e proteggersi dall'aria cattiva, allora il gioco è fatto. Il messaggio arriva dritto al fruitore. È questo lo spirito dell'iniziativa dei cartelli anti-pubblicità che, da qualche giorno, hanno invaso anche Catania. «Esprimere idee con le immagini e fare parodia delle pubblicità sovvertendole - spiega a MeridioNews uno degli autori del progetto che ha per nome d'arte Illustre Feccia - significa fare comunicazione antagonisticamente parlando».


Nei cartelloni affissi sui muri o alle fermate dell'autobus, si riconosce l’uccellino simbolo di Twitter, il cane a sei zampe dell’Eni, la lettera C del supermercato Carrefour. E anche qualche riferimento alla politica e alla religione. Si tratta di subvertising o brandalism, un’azione collettiva per cui i manifesti pubblicitari vengono coperti con opere di street art, per fare riflettere sugli effetti che gli spot possono avere sulle persone. Manifesti già apparsi a Varsavia (la capitale della Polonia) che, adesso, arrivano anche nel capoluogo etneo grazie al gruppo anarchico Chimera e al Teatro Coppola. Dietro, oltre a Illustre Feccia - che ha partecipato anche al progetto polacco - ci sono gli artisti HogreSpecial Patrol Group e Ceffon.

«Oltre che di arte, nella vita mi occupo di respirare per vocazione - commenta a MeridioNews Illustre Feccia, che disegna da dodici anni - Un'abitudine che, oramai da tempo, sembra essere caduta in disuso. Morire per asfissia è molto più comune e popolare, soffocati da mafie istituzionali e pesti capitalistiche». L'idea di fare politica attraverso i disegni non è nuova ma il progetto dei poster sul subvertising vede la luce due anni fa, quando Illustre Feccia incontra il collega Hogre e frequenta i laboratori londinesi della Spg (Special Patrol Group). «Sono laboratori internazionali di poster dove - spiega l'artista - chiunque è interessato si può sbizzarrire disegnando sulle pubblicità esistenti». Le opere realizzate in laboratorio poi vengono esposte attraverso un'azione di «attacchinaggio collettivo».

Cartelloni grandi, colori decisi e forme originali che attirano l'attenzione di chi passa per la strada. «Le forme e i colori hanno il fine di comunicare creativamente, non di abbellire una casa o un quartiere. È il nostro modo di fare politica - continua l'artista - sottraendo al capitale e alla classe dirigente il monopolio dell'informazione e lo spazio che occupano. È un’avventura un po' utopica e rivoluzionaria, una scommessa, per rilanciarsi come media indipendente». Una forma d'arte impegnata che si ritaglia uno spazio in città. «Sogniamo un mondo dove non esista la pubblicità del capitalismo e un’unica fonte d'informazione che domina dall'alto ma decentralizzata e diffusa. Magari, - conclude Illustre Feccia sorridendo - anche un po' pirata».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews