Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Subaffittavano tre appartamenti a prostitute straniere
Tariffe fino a 700 euro a settimana. Due gli arrestati

Una donna si sarebbe occupata delle locazioni mentre un suo complice era attivo nel reclutamento. Le spettanze venivano concordate in base alle inquiline: variavano nel caso si trattasse di una ragazza singola o di una coppia. Guarda il video

Redazione

Subaffittavano tre appartamenti nel cuore di Catania a prostitute straniere, con canoni variabili da 500 a 700 euro settimanali. Un sistema ben oliato con una attenta distribuzione di ruoli, suddivisi tra due persone, un uomo e una donna incensurati di cui sono state fornite le iniziali. Sono questi i tratti distintivi dell'operazione Check-in, portata a termine su delega della procura etnea dagli agenti di polizia. In arresto sono finiti M.A.L. (classe 1953) e A.F. (classe 1972).

L'attività delle forze dell'ordine è partita dopo una segnalazione alla sala operativa della questura. Le prostitute, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, si alternavano nelle abitazioni con cadenza settimanale. Pagando un canone maggiorato rispetto ai prezzi di mercato. In particolare M.A.L. stabiliva le tariffe in base alle inquiline: variavano nel caso si trattasse di una ragazza singola o di una coppia di donne

A.F., invece, si sarebbe occupato di procacciare le prostitute curandone materialmente la sistemazione negli appartamenti, la pulizia e il continuo rifornimento di biancheria. Così facendo, l'uomo si sarebbe guadagnato una percentuale sui canoni di subaffitto. Sui quali gravava anche la sua attività di controllo degli ospiti, per garantire quanta più riservatezza all'interno dei condomini. Durante la fase dell’esecuzione della misura, in due dei tre appartamenti erano presenti tre donne e un uomo, di nazionalità colombiana e dominicana, esercitanti il meretricio, e un cliente. Espletate le formalità di rito, i due indagati sono stati associati nella casa circondariale di piazza Lanza e i tre appartamenti messi sotto sequestro preventivo e affidati in custodia giudiziale ai rispettivi proprietari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×