Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Trasporti, arrivata a Catania nave cargo Onorato
Musumeci: «Fare un grande porto e retroporto»

Redazione

Foto di: Liguria nautica

Foto di: Liguria nautica

«Dieci, venti anni fa bisognava pensare a realizzare in Sicilia un grande porto e un grande retroporto capace di poter evitare che il flusso mercantile dovesse andare a Rotterdam invece di fermarsi, com'era naturale, nel cuore del Mediterraneo, naturale piattaforma che si chiama Sicilia. Ci stiamo lavorando. Non sarà facile farlo in pochi anni. Stiamo recuperando tempo perduto nel passato». L'ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci parlando stamane a Catania in occasione del viaggio inaugurale della nave cargo Ro-Ro Maria Grazia Onorato

«Assieme alla scommessa, che possiamo e dobbiamo vincere, di fare delle vie del mare la scelta prioritaria per la mobilità soprattutto delle merci e dei mezzi pesanti nei prossimi anni - ha aggiunto - ce n'è un'altra, quella di fare della Sicilia un grande hub portuale capace di potere intercettare le tante navi che arrivano dal canale di Suez e che non trovando facili approdi, vanno verso lo stretto di Gibilterra per poi attraverso la costa della penisola iberica raggiungere il Mar Baltico». 

Tappa nel porto di Catania stamane per la nave Ro-Ro cargo Maria Grazia Onorato del Gruppo Onorato, presentata come la più grande e la più green del suo genere del Mediterraneo. Entrata il 15 maggio scorso in servizio sulla rotta Genova - Livorno - Catania - Malta, con la sua capacità di oltre 4.000 metri lineari di carico potrà togliere dalle autostrade oltre quattro chilometri di mezzi pesanti. 

Alla Maiden call della Maria Grazia Onorato hanno preso parte, tra gli altri, il presidente della Regione Nello Musumeci, accompagnato dall'assessore Ruggero Razza, il presidente del Gruppo Vincenzo Onorato e il figlio Alessandro, vice presidente e responsabile commerciale Moby Tirrenia. Di fronte all'enorme successo riscosso nel 2018 con incrementi record del traffico merci proprio sulla Sicilia, il Gruppo Onorato ha ribadito l'intenzione di continuare a investire su quest'attività con un costante incremento anche nei prossimi mesi nella capacità di stiva offerta sulla rotta Genova - Livorno - Catania - Malta. 

Costruita dal cantiere tedesco di Flensburg, la Maria Grazia Onorato ha un centinaio di uomini di equipaggio. È dotata di scrubber di ultima generazione che consentono di abbattere il CO2 contenuti nei fumi dal 3,5 allo 0,1 per cento. Ha una capacità di carico di 4.076 metri lineari pari a 283 trailers ed è dotata di un innovativo sistema di rampe che consente di accelerare e rendere particolarmente rapide ed efficienti le operazioni di sbarco e imbarco dei semirimorchi. È anche un manifesto politico galleggiante perché sulle due fiancate ha la scritta Onorato per i marittimi italiani a significare la policy di Onorato Armatori di imbarcare solamente marittimi italiani. 

(Fonte: Ansa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×