Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Potenza-Catania 1-1: buon pari, ma che sofferenza!
Di Piazza regala il vantaggio, pareggia França al 90'

Il Catania torna dal Viviani con un pareggio prezioso in ottica qualificazione. A lasciare perplessi, però, è ancora una volta l'atteggiamento della squadra. Dopo il gol, gli etnei rinunciano a creare gioco subendo il gol dell'1-1 a fine match

Giorgio Tosto

Foto di: Eleven Sports

Foto di: Eleven Sports

Il risultato soddisfa, il modo in cui è arrivato invece fa storcere il naso. Il Catania torna da Potenza con un 1-1 che in prospettiva aumenta le chance di qualificazione: i rossazzurri infatti, come contro la Reggina, potranno giocare per due risultati su tre. Per approdare alle semifinali, però, servirà una prestazione ben diversa da quella odierna in cui gli etnei, dopo essere subito passati in vantaggio, hanno pensato soltanto a coprirsi e a mantenere il risultato. Un atteggiamento che spesso viene punito: avviene così anche questa volta, con il gol dell'ariete França che giunge allo scoccare dell'ultimo minuto di gioco. Un risultato meritato per un Potenza poco preciso in avanti, ma comunque generoso e sempre propositivo. 

Sottil conferma in blocco, come previsto, l'undici di partenza che ha schiacciato la Reggina domenica scorsa. Nel Potenza Piccinni dà forfait all'ultimo secondo, con Matera che prende il suo posto per un 3-4-3 assai intraprendente anche se privo di un esterno destro di ruolo. I padroni di casa partono con l'acceleratore premuto: dopo trenta secondi Lescano tocca di testa un cross di Ricci, è bravo Pisseri a deviarla in angolo. Gli uomini di mister Raffaele iniziano bene, con grande aggressività e un baricentro molto alto: al primo affondo, però, vengono sorpresi dal grande cinismo del Catania. È il settimo minuto quando Sarno riceve un corner corto, scoccando un assist al bacio per Di Piazza che svetta in area e segna, anticipando il portiere in uscita.

Grande festa per i 400 supporter rossazzurri arrivati nel capoluogo lucano, col Catania che subito dopo il vantaggio arretra il baricentro, aspettando il Potenza nella propria area provando poi a colpire di rimessa. I rossoblu di casa spingono soprattutto sulla sinistra grazie alla velocità di Panico: gli etnei vanno a folate, cercando di sfruttare la velocità del duo Marotta-Di Piazza e l'ispirazione di Sarno. Al 25esimo Pisseri è miracoloso su un colpo di testa del solito Lescano che decolla su cross di Sepe, anticipando Aya e chiamando l'estremo difensore a una parata d'istinto. Il Potenza accelera le operazioni, con gli uomini di Sottil che difendono con due linee molto strette. Alla mezz'ora Ricci, per un soffio, non devia in rete un velenosissimo cross da destra, quindi a tre minuti dal duplice fischio Marotta è splendido ad anticipare Sepe, pronto a colpire di testa a botta sicura.

La ripresa comincia con l'ingresso tra le file dei padroni di casa degli attaccanti Genchi e Longo: l'allenatore potentino Raffaele le prova tutte per riacciuffare gli avversari. Il secondo tempo ricalca esattamente la prima frazione, col Potenza che macina gioco e tiene palla, peccando però di imprecisione negli ultimi 20 metri. Emerson ci prova dalla lunga distanza, Pisseri para a terra: poi Genchi e Guaita scoccano conclusioni troppo alte. I lucani premono e il Catania arretra sempre più: Sottil asseconda questa tendenza, facendo uscire la punta Di Piazza per il difensore Esposito. Dentro anche Lodi e Baraye per Bucolo e Marchese: gli etnei si schierano a tre in difesa, con l'obiettivo di marcare a uomo le punte avversarie.

Il fortino catanese crolla proprio nel momento in cui sembrava poter reggere meglio. Al 90esimo, quando l'azione avversaria sembra spegnersi progressivamente, arriva la rete del pareggio: prima Pisseri si esalta su Bacio Terracino, bravo a deviare sotto rete un cross di Emerson. Sull'angolo seguente, Aya perde di vista il neo entrato França che, come nella gara di campionato, trova il tempo e il modo di punire gli etnei deviando in rete da sotto misura. Il Catania avrebbe anche la possibilità di andare nuovamente in vantaggio, con Curiale che impegna Ioime su cross di Calapai, ma sarebbe stata una punizione eccessiva per questo Potenza. Tutto rinviato a mercoledì prossimo, dove le due squadre si affronteranno per la gara di ritorno: per coltivare il sogno Serie B ci vorrà tutt'altro Catania. 

Il tabellino:

Potenza-Catania 1-1

Marcatori: 7' Di Piazza, 90' França

Potenza (3-4-3): 22 Ioime; 15 Sales, 25 Emerson, 6 Sepe; 23 Coppola (87' Di Somma), 5 Dettori, 11 Matera (46' Genchi), 3 Panico; 28 Lescano (66' França), 30 Guaita (87' Bacio Terracino), 18 Ricci (46' Longo). Allenatore: Giuseppe Raffaele.

Catania (4-3-1-2): 12 Pisseri; 26 Calapai, 4 Aya, 5 Silvestri, 15 Marchese (56' Baraye); 21 Bucolo (56' Lodi), 27 Biagianti, 18 Rizzo; 7 Sarno (65' Brodic); 9 Marotta (78' Curiale), 32 Di Piazza (56' Esposito). Allenatore: Andrea Sottil.

Note: ammonito Rizzo (Catania), Sales e Dettori (Potenza)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×