Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Chiude Spaccio alimentareAuchan vende a Conad
«Per i lavoratori rischio dell'ennesima bomba sociale»

Movimenti bruschi nel settore della grande distribuzione etnea. «La nostra preoccupazione è che si perdano posti di lavoro», dicono dai sindacati che chiedono tavoli di confronto in prefettura e al Mise per «tutelare la continuità occupazionale dei dipendenti»

Marta Silvestre

Foto di: Alexas

Foto di: Alexas

Il supermercato all'interno del Centro Sicilia a Misterbianco, sotto il marchio della catena Spaccio alimentare, ha chiuso i battenti. Lo ha comunicato all'improvviso, nei giorni scorsi, la proprietà - l’impresa Distribuzione Cambria di Pace del Mela - ai 180 dipendenti in organico. «All'inizio ci era stato detto che il punto vendita non avrebbe chiuso perché sarebbe in atto una trattativa per l'acquisto con il gruppo Arena (Decò) - spiega a MeridioNews Vito Tringale, vice segretario della federazione etnea Ugl terziario - Lo scorso 10 aprile c'è stato anche un incontro formale ma, da allora a oggi, i procedimenti per le trattative si sono fermate e non sappiamo il motivo. La nostra preoccupazione - aggiunge - è che si perdano i posti di lavoro». 

Ufficialmente, gli operatori che non si trovano in cassa integrazione saranno sin da subito impegnati nell'attività di inventario della merce rimasta dopo la svendita avvenuta nelle scorse settimane. «Tra i lavoratori, però, è alta la tensione per il rischio che si possa ripetere il caso Portali dell'anno scorso, quando il negozio è stato svuotato dalla merce e dal personale e lasciato libero a un nuovo acquirente», ricorda Trigale. Da parte dei sindacati, già la scorsa settimana, c'è stata la richiesta di un incontro in prefettura «che abbiamo rinnovato nei giorni scorsi, sperando che ci convochino presto per capire quale sarà il futuro di questi lavoratori che - afferma il vice segretario - stanno vivendo una situazione pesante e non si può più giocare a carte coperte perché ci sono famiglie senza stipendio, con il posto di lavoro in bilico che stanno arrivando alla disperazione».

Altri punti vendita etnei di Spaccio alimentare - in viale Mario Rapisardi a Catania, al centro commerciale Le Vele di Acireale e un punto vendita ad Aci Sant'Antonio - sono già stati chiusi in passato. «La chiusura di adesso, per il nostro territorio e per il settore della grande distribuzione rischia di diventare l'ennesima bomba sociale - allerta Tringale - È necessario, infatti, che venga trovata una soluzione per potere applicare la continuità occupazionale e far transitare le 180 unità nell'eventuale organico del nuovo acquirente, evitando che questi dipendenti formati e professionalizzati nel tempo, vengano lasciati sul lastrico o appesi a un filo senza le tutele che meritano». 

Altri movimenti bruschi della grande distribuzione organizzata etnea riguardano la cessione dei due punti vendita Auchan Retail (al centro commerciale  Porte di Catania e a Misterbianco) a Conad. Una mossa che rientra in decisioni aziendali a livello nazionale. «Conad a Catania, di fatto, acquisisce Auchan - va dritto al punto il segretario della Filcams Cgil di Catania, Davide Foti - e stiamo parlando 350-400 lavoratori tra full time e part time che non sanno cosa li attenda nel loro futuro. Il punto è che con questo passaggio - specifica - anche la dimensione delle strutture potrebbe cambiare per cui è possibile che ci siano dei licenziamenti, così come delle assunzioni». Futuro prossimo incerto, dunque. Dovuto anche al fatto che, a differenza di Auchan, Conad è una società cooperativa. «Una situazione di profonda instabilità sociale per cui abbiamo già chiesto un tavolo nazionale per fare chiarezza su tutta la partita - aggiunge Foti - perché è arrivato per il Governo il momento di muoversi anche in considerazione del fatto che stiamo parlando di un affare da un miliardo di euro». 

A preoccupare maggiormente i sindacati, però, è la condizione dei lavoratori della rete Sma Simply (di cui è proprietaria sempre la catena francese Auchan Retail) che, al momento, sembra essere lasciata in bilico in attesa di un accordo commerciale che ci sarebbe con un imprenditore locale. «In maniera informale - annuncia il segretario della Filcams Cgil - siamo venuti a sapere che ci sarebbe un interessamento da parte del gruppo Arena, ma non conosciamo né i termini né i contorni». Per i 264 lavoratori dei 33 punti vendita Sma in Sicilia è aperta una procedura di licenziamento. «Durante un incontro che abbiamo avuto con Sma, ci è stato detto che l'intenzione è quella di chiudere la procedura di licenziamento con un incentivo di 14 mensilità. Questo si traduce in 264 esuberi». Per il prossimo 28 maggio, intanto, è già in programma un appuntamento al Mise perché «è arrivato il momento - conclude Foti - di mettere mano al contratto collettivo di lavoro anche in questo settore».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×