Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Europee 2019, l'intervista ad Antonio Brunetto (M5s)
«Baby alfaniano? Polemica per mettermi bollino nero»

L'ingegnere sta girando in lungo e largo la Sicilia per parlare di Infrastrutture. Nel suo passato le polemiche legate all'esperienza di politica universitaria. Adesso la sfida per arrivare a Bruxelles. «Ma l'Europa deve essere cambiata», dice a MeridioNews

Dario De Luca

Candidato alle elezioni europee dopo avere superato il passaggio della piattaforma interna al Movimento 5 stelle. Antonio Brunetto, di professione ingegnere, nel 2017 è stato eletto al Consiglio dell'ordine per la provincia di Catania. Attorno al suo nome sono circolate non poche polemiche, a causa di alcune foto che lo ritraevano in compagnia di Angelino Alfano, Pino Firrarello e Giuseppe Castiglione. Istantanee del passato legate al suo impegno nella politica universitaria, con l'esperienza da consigliere all'interno del Comitato per lo Sport. 

Perché è arrivato al Movimento 5 stelle? Cosa ha fatto scattare la scintilla?
«Sicuramente il concetto di democrazia diretta. Ognuno nel Movimento può dire la sua e contribuire alla proposta politica. C'è una base che viene interpellata in ogni momento. Poi ci sono altri temi a me molto cari, come quello della sostenibilità ambientale e delle energie rinnovabili».

Lei non è mai stato candidato. Che Sicilia sta incontrando durante la campagna elettorale?
«Da ingegnere che si occupa di infrastrutture devo dire che sto imparando a conoscere le pessime condizioni delle nostre strade. La gente chiede cose diverse. Da un lato abbiamo i professionisti che entrano nel dettaglio delle questioni, dall'altro, come avviene nei quartieri popolari, l'Europa viene vista come qualcosa di molto lontano. Alcuni non sanno nemmeno che si andrà a votare».

Ponte sullo Stretto, sì o no?
«Tutte le grandi infrastrutture sono risorse per il territorio. Ma bisogna considerare l'impatto ambientale che in questo caso sarebbe considerevole. In Sicilia ci sono priorità diverse. Penso alla rete ferroviaria, le cui condizioni sono scandalose. Ma anche alla rete viaria, con autostrade che sono vere e proprie trazzere».

Quando si presenta come candidato del Movimento che tipo di risposte ottiene? 
«In generale c'è tanto sostegno. Ci sono persone che mi hanno confidato che grazie al Movimento hanno riottenuto la dignità di vivere. E in questo è fondamentale l'apporto del reddito di cittadinanza».

Lei critica apertamente il fiscal compact. Perché?
«Il problema dell'Europa sono le politiche di austerità. È impensabile avere dei vincoli di bilancio che condizionino la messa in sicurezza di scuole e infrastrutture. Io sono convinto che si debba investire maggiormente in questi campi».

Quindi Antonio Brunetto appartiene agli euroscettici. 
«Assolutamente no. Io credo nell'importanza dell'Europa ma deve essere cambiata».

In Italia c'è il contratto di governo con Matteo Salvini e la Lega, mentre in Europa siete lontani dai sovranisti. Come si conciliano queste differenze di vedute? 
«Alleanza significa affinità. Noi, invece, con Salvini abbiamo un contratto sottoscritto per senso di responsabilità nei confronti degli italiani. In Europa sicuramente abbiamo interlocutori diversi rispetto a quelli che appartengono al sovranismo».

Nel suo passato c'è la vicinanza a Giuseppe Castiglione, l'ex ministro Angelino Alfano e Pino Firrarello. Cosa le è rimasto di quell'esperienza e che peso hanno avuto le polemiche sul suo nome?
«Trovo tutto assurdo. Chi conosce l'università capisce che in quel contesto si lavora esclusivamente per gli interessi degli studenti. Si è punti di riferimento per i colleghi, lontani dalle logiche di partito ma uniti nell'interesse comune».

Tuttavia lei è stato bollato come un baby alfaniano.
«Mi metto a ridere. Sono polemiche sterili utilizzate per mettermi addosso un bollino nero. Che però è stato tolto presto anche all'interno del Movimento».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×