Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Forze dell'ordine, lascia anche il questore Francini
Al suo posto potrebbe arrivare Mario Della Cioppa

Dopo il capo centro della Direzione investigativa antimafia e il primo dirigente della Squadra mobile tocca al poliziotto napoletano. In pole position per la successione l'ex capo della polizia nato a Pescara, dal 2017 impegnato in Puglia

Redazione

Continuano senza sosta le sostituzioni all'interno delle forze dell'ordine. Dopo il capo centro della Direzione investigativa antimafia, Renato Panvino, e il capo della Squadra mobile, Antonio Salvago, tocca al questore. Alberto Francini. Al suo posto, secondo alcune indiscrezioni comparse sulla stampa pugliese, potrebbe arrivare il pescarese Mario Della Cioppa. Protagonista dall'estate 2017 nella guida della polizia di Foggia. Terra di frontiera in cui da tempo è in corso una cruenta guerra di mafia. A spiccare la strage di San Marco in Lamis, in cui venne ucciso il boss Mario Lucano Romito, il suo autista e due agricoltori, inconsapevoli testimoni del fatto di sangue. 

Francini a Catania si era insediato l'8 gennaio 2018. L'ultimo appuntamento con la stampa soltanto poche settimane fa per presentare il nuovo capo della Squadra mobile Marco Basile. L'ormai ex questore etneo non aveva disdegnato toni polemici nei confronti della gestione della movida cittadina. Nuovamente finita sotto la lente d'ingrandimento dopo l'accoltellamento di un turista polacco e le le violenze subite da una 19enne americana nella zona di piazza Europa. A salutare Francini, attraverso una nota stampa, è il sindaco della città Salvo Pogliese: «Ha dato concreta testimonianza di essere un servitore dello Stato competente e determinato nel sostegno alla legalità. Gli auguriamo ogni fortuna professionale nello svolgimento degli altri incarichi che verrà chiamato a svolgere nell'interesse della collettività».

Prima di Francini la guida della questura era passata, ma soltanto per dieci mesi, a Giuseppe Gultieri. Ex vertice della squadra mobile di Palermo durante la cattura del super latitante Bernardo Provenzano. Gualtieri era succeduto a Marcello Cardona, oggi in servizio a Milano. L'esperienza nel capoluogo etneo di quest'ultimo è l'ultima con una durata considerevole: da gennaio 2015 a marzo 2017. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×