Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania-Potenza 1-1, ecco chi sale e chi scende
Di Piazza, gol decisivo: al top pure Lodi e Curiale

Il Catania soffre, sbanda, subisce la rete del Potenza ma, alla distanza, riesce a rimediare e porta a casa un pari che vale le semifinali. Marchese, Carriero e Marotta apparsi in difficoltà: Sottil però fa i cambi giusti, con Lodi e Curiale che entrano bene in partita

Giorgio Tosto

Foto di: Calcio Catania

Foto di: Calcio Catania

Catania in semifinale, ma quanta sofferenza! I rossazzurri pagano un approccio timido alla gara, col Potenza che sfrutta le debolezze e passa quasi subito in vantaggio sfruttando un grave errore difensivo. Gli uomini di Sottil non brillano e arrancano, riuscendo a trovare un faticoso pareggio soltanto nella ripresa. Tanto basta però per andare avanti: Di Piazza man of the match.

Top

Matteo Di Piazza: Il bomber di Partinico non si rende protagonista della sua miglior prestazione in rossazzurro ma, alla resa dei conti, riesce nell'impresa di segnare il quarto gol nelle ultime tre partite. Una rete decisiva e di pregevole fattura: il numero 32, lanciato da Curiale, ha la freddezza di puntare Ioime e freddarlo con un diagonale preciso e angolato. E' il gol che assicura al Catania le semifinali: questo fa passare in secondo piano un primo tempo non perfetto e macchiato da un paio di errori marchiani. 

Top

Francesco Lodi: L'ingresso del numero 10 rossazzurro, questa volta, è decisivo. Il centrocampo del Catania infatti era stato in costante apnea nel corso della prima frazione, con Carriero e Rizzo in difficoltà palese. Lodi ha dato le giuste geometrie in mezzo al campo, fornendo standard di rendimento migliori rispetto al recente passato: prima ha colpito il palo con una punizione stupenda, poi ha dato il la all'azione che ha portato al pari di Di Piazza. La sua personalità, nell'arena del Massimino, è stata necessaria.

Top

Davis Curiale: Vale lo stesso discorso fatto per Lodi. Sottil lo inserisce a metà del secondo tempo, quando Marotta aveva esaurito la benzina al termine di un match tutt'altro che memorabile. Curiale prende posto nella metà campo avversaria, sgomita e cerca di far salire la squadra, rendendosi poi protagonista della sponda decisiva che porta all'1-1. Il suo tocco innesca infatti Di Piazza, aprendo come una scatoletta la difesa avversaria e permettendo al partner d'attacco di battere Ioime. 

Flop

Alessandro Marotta: El Diablo stavolta non lascia il segno. Il match non inizia bene e lui resta soffocato fra i tre centrali difensivi del Potenza, non riuscendo mai ad incidere e correndo a vuoto. La generosità come sempre non gli manca: il problema è che l'ex punta di Siena e Benevento non riesce mai a tradurla in occasioni pericolose. Sottil intuisce le sue difficoltà e lo fa uscire a metà del secondo tempo per il più fresco Curiale. Rimandato alle semifinali.

Flop

Giovanni Marchese: Il terzino nisseno conferma l'involuzione dell'ultima partita, andando in difficoltà e mostrando poca lucidità a livello atletico e tecnico. Non è un caso, infatti, che Sottil decida di tenerlo negli spogliatoi a metà partita, preferendogli il più mobile Baraye. L'impressione è che le undici partite da titolare abbiano inciso sul suo stato di forma e che necessiti di tirare il fiato. La pausa di una settimana in vista delle semifinali sarà molto importante per recuperarlo. 

Flop

Giuseppe Carriero: Nervoso e impreciso, Carriero si dimostra come l'anello debole del centrocampo catanese sin dall'inizio. La verve fisica non gli manca: ad esser carente, invece, è la lucidità in un ambiente che è sin da subito infuocato a causa del prematuro svantaggio. Il cartellino giallo sventolato da Camplone è il chiaro indice di qualcosa che non va: tanti gli appoggi sbagliati, molti i falli, pochi gli interventi in fase di interdizione riusciti con successo. Non è un caso che Sottil lo lasci negli spogliatoi al 45'.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×