Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Affaire Grasso, online registrazione della telefonata
Bonaccorsi: «Vicenda surreale e spettacolarizzata»

Dopo la pubblicazione dell'audio della conversazione telefonica tra il consigliere comunale Giovanni Grasso e il vicesindaco e assessore al Bilancio Roberto Bonaccorsi, quest'ultimo interviene con una lunga nota diffusa alla stampa da Palazzo degli elefanti

Redazione

Una vicenda «surreale» e «spettacolarizzata a fini che rientrano forse nelle dinamiche interne del Movimento 5 stelle». Il vicesindaco di Catania Roberto Bonaccorsi affida a una lettera inviata ai giornalisti dall'ufficio stampa di Palazzo degli elefanti la sua replica - stavolta articolata - all'affaire Giovanni Grasso. La questione è quella della telefonata registrata da Grasso e inviata, sembra per sbaglio, dallo stesso consigliere pentastellato alla chat di gruppo degli attivisti M5s a Catania. Una conversazione in cui l'ormai ex cinquestelle dialoga con l'assessore al Bilancio (suo ex collega di università) e commenta l'operato della consigliera Lidia Adorno.

L'ascolto del file  pubblicato sul sito La spia - in cui risulta chiarissima la voce di Grasso, mentre più lontane arrivano le parole di Bonaccorsi - conferma alcune delle indiscrezioni pubblicate nei giorni scorsi: il consigliere Grasso fa riferimenti alle qualità professionali di Lidia Adorno e di Graziano Bonaccorsi, due esponenti grillini in Consiglio comunale. «O ci date aiuto... Perché lei non lo capisce», dice Grasso al vicesindaco, dopo la seduta consiliare straordinaria del 20 maggio. «Ci vuole 'u coppu giustu», risponde Roberto Bonaccorsi.

«Se la consigliera Adorno, come io ritengo, ha sentito l’intera telefonata - prosegue la risposta formale del componente della giunta di Salvo Pogliese - non può non collegare la stessa quale appendice della discussione politica in consiglio comunale dalla quale si era appena usciti, e che il colpo giusto non poteva che essere l’intervento chiarificatore della magistratura». Come spiegato da MeridioNews questa mattina, infatti, il vicesindaco aveva da poco terminato un intervento in aula consiliare nel corso del quale aveva annunciato una querela nei confronti della consigliera Adorno.

«Corrispettivamente, con eclatanza degna di miglior causa, veniva diffuso alla stampa il contenuto di una conversazione telefonica del tutto amichevole con il consigliere Grasso che mi ha chiamato, forse con un disegno preordinato, per istigarmi ad andare avanti con la querela nei confronti della sua collega - aggiunge Bonaccorsi - Non mi sottrarrò a tutelare la mia persona davanti a chi compie in maniera fraudolenta atti puniti dalla legge estrapolando da una conversazione privata singole parole. Ribadisco che non ho alcuna preclusione a chiarire personalmente e in ogni sede questo aspetto inconsapevolmente sgradevole, che non ha alcuna rispondenza concreta nei miei atteggiamenti, sia nei confronti della consigliera che della signora Adorno».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.