Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia Nebrodi, torna libero Mario Montagno Bozzone
Decisione del Riesame dopo la condanna a 22 anni

Il fratello del capomafia di Bronte esce dalla casa circondariale di piazza Lanza 15 giorni dopo l'arresto. Arrivato al termine del processo d'Appello in cui è stato imputato insieme al parente. Soddisfazione da parte dei legali: gli avvocati Alfio e Angelo Pennisi

Dario De Luca

Dopo quindici giorni dietro le sbarre Mario Montagno Bozzone torna libero e potrà fare rientro a Bronte. A stabilirlo sono stati i giudici del tribunale del Riesame, accogliendo la richiesta dei suoi legali: gli avvocati Alfio e Angelo Pennisi. L'ordinanza annulla, di fatto, la custodia cautelare in carcere a cui l'uomo era stato sottoposto su istanza della procura generale. Bozzone era stato accompagnato in prigione dopo una condanna a 22 anni, arrivata nel processo d'Appello in cui è stato imputato insieme al fratello Francesco, storico capo mafia della terra del pistacchio legato al clan mafioso dei Carcagnusi di Nuccio Mazzei.

Al centro della vicenda giudiziaria l'uccisione del pastore Giuseppe Gullotti. Rimasto coinvolto in un agguato di mafia nel 2002 e morto quattro anni dopo a causa delle complicazioni. Dietro l'omicidio, secondo magistrati e accusa, ci sarebbe stata la mano della famiglia Montagno Bozzone. La pena più severa, l'ergastolo, è toccata a Francesco, individuato come componente del gruppo di fuoco. Il fratello, scarcerato oggi, si sarebbe occupato di capire i movimenti della vittima per coglierne le abitudini e individuare il momento propizio per l'agguato. Tra le motivazioni della custodia cautelare il pericolo concreto di fuga e il possibile supporto del clan locale. 

«L'imputato - scrivono i legali in una nota - non ha mai posto in essere condotte tali da fare ritenere la sua intenzione di sottrarsi alle conseguenze giudiziarie relative alla condanna riportata. Lo stesso - concludono - non ha dato prova di contiguità con alcuna organizzazione malavitosa operante a Bronte».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews