Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giarre, cittadini buttano bollette della Tarsu
Sindaco: «Meglio raccolta di prossimità»

In 300 hanno partecipato alla manifestazione di protesta davanti al municipio contro la malagestione della raccolta differenziata. I cittadini hanno cestinato le fotocopie dei bollettini della Tarsu, che proprio in queste settimane vengono recapitati mentre la città è sommersa dai rifiuti. «Se tra qualche giorno l'emergenza non rientrerà passeremo alla raccolta di prossimità», ha annunciato il sindaco Teresa Sodano. Ma i manifestanti non ci stanno. «A questo punto - replicano - sarebbe assurdo e diseducativo»

Salvo Catalano

Oltre il danno la beffa. Mentre Giarre affonda tra i rifiuti, nelle case dei cittadini cominciano ad arrivare i bollettini della Tarsu, la tassa sulla spazzatura, che nel centro ionico è tra le più alte d’Italia. «Ci vuole coraggio e faccia tosta», inveisce una signora mentre butta la fotocopia della sua bolletta da 500 euro nel bidone posto davanti al Municipio. Erano circa 300 i cittadini che stasera si sono riuniti per protestare contro la cattiva gestione della raccolta differenziata porta a porta nei comuni di Giarre, Riposto e Mascali. Un servizio iniziato lo scorso 16 luglio e gestito dall’Ato Joniambiente attraverso la ditta Aimeri. Nessuna bandiera di partito, ma tanti striscioni di protesta e uno slogan – Vergogna, vergogna! – scandito a più riprese sotto il balcone del sindaco Teresa Sodano.

[slideshow]

Il primo cittadino, insieme a parte della giunta e ai tecnici comunali, ha ricevuto una delegazione di manifestanti. Un lungo faccia a faccia durante il quale i rappresentanti delle associazioni hanno chiesto chiarimenti sulla situazione attuale e sui provvedimenti che l’amministrazione intende prendere. «È inutile che continuate lo scaricabarile – ha esordito Vita Raiti, della sezione ionica del Wwf – perché voi sindaci siete anche soci dell’Ato che tanto criticate, siete voi che prendete le decisioni». «Questa manifestazione – replica Carmelo Spitaleri, sindaco di Riposto, presente anche lui all’incontro con i manifestanti – dovremmo farla insieme sotto Palazzo d’Orleans a Palermo, perché è la legge regionale che ci sta bloccando». Il confronto ha visto da una parte il sindaco Sodano rivendicare, ordinanze alla mano, gli interventi fatti in questi anni per sollecitare Joniambiente e l’Aimeri a svolgere il servizio in maniera dignitosa. Dall’altra la delegazione ricordare come già tre anni fa alcune associazioni cittadine avessero evidenziato l’inefficienza della ditta milanese. «La stessa ditta che, nonostante tutto, avete scelto per il servizio porta a porta – denuncia Angelo D’Anna, portavoce della Rete delle associazioni – come pensavate che non riuscendo a svolgere l’ordinario, riuscissero a fare lo straordinario?».

Ma la promessa fatta dell’amministrazione comunale non convince i manifestanti. «Con l’ordinanza di ieri – spiega la Sodano – abbiamo intimato all’Aimeri di ripulire in modo definitivo il territorio e mi hanno assicurato che lo stanno facendo. Se tra due giorni non sarà così, ci siederemo ad un tavolo e chiederemo di ridurre il porta a porta solo ad alcuni quartieri, mentre nel resto della città passeremo alla raccolta di prossimità con i cassonetti differenziati». Un coro di no ha accolto l’annuncio del sindaco. «Tornare indietro a questo punto è assurdo e diseducativo», è la tesi dei manifestanti. Ma l’amministrazione sembra convinta nel seguire questa strada. Con o senza l’Aimeri. «Non possiamo fare a meno dell’Aimeri fino a quando non ci sarà un’altra ditta pronta a subentrare – precisa la Sodano – stiamo cercando, ma fino ad ora non abbiamo trovato nessuno e sarà impossibile fino almeno a metà settembre». Passaggio reso più complicato dalla legge che impone il transito di tutti i dipendenti attualmente in forza all’Aimeri nella nuova ditta.

Dopo più di un'ora, ad aspettare la delegazione sotto il Comune sono rimasti in pochi. Ma le risposte dell’Amministrazione non hanno convinto. «Continueremo a protestare – annuncia D’Anna – soprattutto se l’intenzione è quella di abbandonare la differenziata. Intanto abbiamo chiesto di poterci sedere al tavolo con l’amministrazione e l'Ato per provare a migliorare il servizio». Per gli organizzatori la manifestazione, nata dal basso attraverso la discussione su Facebook, è riuscita, anche se in molti hanno lamentato la scarsa partecipazione dei cittadini nonostante il problema della spazzatura sia diventato ormai trending topic nel centro ionico. «Stasera ho visto tante famiglie con bambini – conclude D’Anna – un po’ di gente comune c’era, ma la verità è che Giarre non è abituata a scendere in piazza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.