Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scioglimento Trecastagni, ricorso al Tar inammissibile
Per i giudici l'ex amministrazione ha agito troppo tardi

L'ex sindaco Giovanni Barbagallo e i suoi hanno presentato il proprio ricorso contro la decisione del governo il 13 luglio 2018, quando il loro mandato elettorale era già scaduto da un mese. Per questo il Tar del Lazio ha riscontrato una «carenza d'interesse»

Redazione

Foto di: Wikipedia

Foto di: Wikipedia

Inammissibile. Una sola parola come uno scoglio su cui si sono arenate le speranze dell'ex amministrazione comunale di Trecastagni. Il consiglio comunale è stato sciolto a maggio dello scorso anno per mafia, su proposta dell'allora ministro dell'Interno Marco Minniti. Da allora, l'ex primo cittadino Giovanni Barbagallo aveva proposto ricorso al tribunale amministrativo regionale del Lazio contro gli atti che avevano portato alla decisione del governo. Il ricorso era stato presentato quando il mandato elettorale era già scaduto, e quindi non avrebbe potuto portare alla reintegrazione delle cariche.

I ricorrenti si erano opposti alla dichiarazione di improcedibilità, ritenendo di avere interesse all'affermazione dell'illegittimità dei provvedimenti impugnati che, a loro avviso, legavano la loro gestione e loro stessi alla criminalità di stampo mafioso. I fatti che avevano portato alla nomina della commissione prefettizia e al successivo scioglimento sono riferibili all'inchiesta Gorgoni della procura di Catania. In occasione di quel blitz vennero arrestati due dipendenti comunali: Domenico Sgarlato, capo del settore Lavori Pubblici e Manutenzione, e Gabriele Astuto, funzionario dello stesso settore. L'accusa a loro carico era di avere favorito nell'aggiudicazione del servizio di raccolta dei rifiuti a Trecastagnila EF servizi, ditta di Vincenzo Guglielmino, definito dagli inquirenti uomo di contatto tra i clan Cappello e Laudani.

Secondo il Tar del Lazio, avendo l'ex sindaco e l'ex amministrazione «notificato il ricorso solo in data 13 luglio 2018, ossia quando la scadenza naturale del mandato elettorale (giugno 2018) era già intervenuta, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile per carenza d'interesse a ricorrere ab origine ai fini della reintegrazione nelle rispettive cariche». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×