Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Misterbianco, estorsioni per restituire auto rubate
Tra i tre arrestati anche un minore vicino ai clan

A finire in manette sono stati il 43enne Giombattista Marchese, il 18enne Pietro Monaco e un , appartenente a una famiglia legata alla criminalità organizzata misterbianchese. Oltre ai cavalli di ritorno anche una violenta spedizione punitiva. Guarda le foto

Redazione

Estorcere somme di denaro per restituire auto rubate. Sarebbe stato questo l'obiettivo del gruppo criminale accusato di estorsione, ricettazione, minacce e lesioni aggravate. Al termine delle indagini coordinate dalla procura di Catania e dalla procura per i minorenni etnea, i carabinieri della tenenza di Misterbianco hanno arrestato il 43enne Giombattista Marchese, il 18enne Pietro Monaco e un minorenne di 17 anni, appartenente a una famiglia legata alla criminalità organizzata misterbianchese. 

Giombattista Marchese

Pietro Monaco

Nel corso dell’attività investigativa - avviata nel 2018 e durata circa dieci mesi - sono stati accertati due episodi in cui gli arrestati avrebbero contattato le vittime del furto delle auto offrendosi di reperirle dietro pagamento di una somma concordata, minacciando la distruzione delle macchine in caso di mancato pagamento. 

Cavalli di ritorno ma non solo. I componenti del gruppo si sarebbero resi responsabili anche di una violenta spedizione punitiva contro un 60enne di Misterbianco. Picchiato davanti alla moglie con delle mazze da baseball (una delle quali, per la violenza dei colpi inferti, addirittura si è spezzata), all'indomani di una minaccia ricevuta da uno degli aggressori. La vittima sarebbe poi stata abbandonata a terra in una pozza di sangue. Portata all'ospedale Garibaldi di Catania, il 60enne ha riportato gravi lesioni. Gli arrestati sono stati portati al carcere di piazza Lanza di Catania e all'istituto penitenziario minorile Bicocca di Catania.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×