Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tentato furto con il Jammer, due arresti

Redazione

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

La polizia ha arrestato Alessandro Marsengo (classe 1987) e Vincenzo Giovanni Spampinato (classe 1978), ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di tentato furto aggravato in concorso. Nel pomeriggio di ieri, personale della squadra mobile - sezione contrasto al crimine diffuso, nell'ambito di mirati servizi finalizzati al contrasto dei reati predatori nel centro cittadino, ha notato il pregiudicato Spampinato a bordo di una vettura in sosta che, accorgendosi del passaggio di un equipaggio della squadra mobile, ha attivato il clacson del mezzo, senza, in apparenza, una plausibile giustificazione. 

Alessandro Marsengo

Vincenzo Giovanni Spampinato

Lo strano gesto, ha insospettito gli agenti che hanno deciso di procedere a un controllo più accurato del mezzo e del suo conduttore. Quasi contestualmente, gli agenti hanno notato che - a breve distanza - un altro soggetto, successivamente identificato per Marsengo, era all'interno di un'altra vettura con in mano la carta di circolazione del veicolo nonché di un mazzo di chiavi. Appariva, dunque, evidente, che i due complici - seguendo una pratica altamente collaudata - avevano preso di mira la vettura con il preciso intento di impossessarsi delle chiavi di casa della vittima per poi, in una fase successiva, svaligiare l’appartamento. 

Tali sospetti sono stati confermati quando, a esito della perquisizione personale, i due malviventi sono stati trovati in possesso di telefoni citofoni e di un disturbatore di radio-frequenze, più noto come Jammer, tramite il quale avrebbero impedito la chiusura centralizzata della macchina. Il servizio di polizia giudiziaria predisposto dalla squadra mobile è stato mirato al fine di identificare gli autori dei furti in appartamento che attraverso l’utilizzo del Jammer impediscono la chiusura centralizzata dell’autovettura, senza che il titolare se ne accorga, poi successivamente accedono all'interno del veicolo fotografano il libretto di circolazione da cui prendono l’indirizzo e con le chiavi di casa lasciate a bordo della macchina entrano nell'appartamento. Espletate la formalità di rito, Spampinato e Marsengo sono stati tratti in arresto e tradotti presso il carcere di Catania - piazza Lanza, a disposizione dell’autorità giudiziaria. 

(Fonte: questura di Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×