Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L'azienda Dacca da oggi termina le sue attività
Dal fallimento Abate alla svolta sul plastic free

La sensibilità sulla tutela dell'ambiente si è tradotta, per l'impresa acese, in un crollo dei consumi. A cui si sono sommate la crisi della grande distribuzione, il divieto delle plastiche monouso dal 2021 e un bilancio in difficoltà. I lavoratori sono un centinaio

Luisa Santangelo

La principale committente - la Roberto Abate spa - andata fallita, il crollo dei consumi negli ultimi sei mesi dovuto alla crescente sensibilità sul plastic free, la direttiva europea che vieta, dal 2021, l'uso delle plastiche monouso. C'è tutto questo dietro alla sospensione delle attività dell'azienda Dacca di Acireale, ex colosso della produzione di stoviglie usa e getta, che da oggi non lavora più. La notizia era già stata anticipata a dicembre, quando era stata presentata alle organizzazioni sindacali la procedura per la cessazione dell'impresa. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata e si è parlato a lungo di un piano di riconversione aziendale, che avrebbe dovuto puntare a formare le professionalità e modificare i macchinari in modo da renderli compatibili con produzioni più ecosostenibili. Sembra, però, che il progetto si sia rivelato troppo costoso e complicato. Impossibile da conciliare con difficoltà economiche che iniziano ben prima che la svolta ambientalista prendesse piede anche tra i cittadini comuni.

L'azienda, nata nel 1971, al momento conta un centinaio di dipendenti. E già ad agosto aveva operato una riduzione di personale di 31 lavoratori, motivata dal problema della riduzione dei volumi per la crisi della grande distribuzione, da grossi clienti (come Aligrup) che non ci sono più e da altri che, pur essendo rimasti, pagavano in ritardo. A questo si è poi aggiunto il crack dell'intero gruppo Abate, committente del maggior numero di prodotti. Oltre che, com'è ovvio, fonte di guadagno prevalente. Come emergeva a dicembre, da tempo Dacca «aveva problemi a stare sul mercato», denunciavano i sindacalisti ai tempi. Ammettendo il contributo fondamentale delle regole dell'Unione Europea sulle plastiche al fallimento dell'impresa. «Non saremo i soli - dicono fonti aziendali - Non lo auguro a nessuno, ma penso che ci saranno anche altre aziende, in Italia, a fare questa fine». La proprietà, nelle prossime ore, dovrebbe inviare una breve nota per rendere ufficiale la notizia

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×