Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Santa Maria di Licodia, rimpasto di giunta a metà
Salamone in pole ma deve dimettersi dal consiglio

Il sindaco Totò Mastroianni nomina due nuovi assessori, Gabriele Gurgone e Giovanni Grasso, ma aspetta ancora il nome dall'area legata al deputato Luca Sammartino. A complicare tutto la richiesta di lasciare lo scranno in aula prima di entrare nell'esecutivo

Salvatore Caruso

Turnover all’interno della giunta comunale di Santa Maria di Licodia, una di quelle che, nella provincia etnea, pur di espressione di una lista civica, ha un anima decisamente di centrosinistra. Il sindaco Salvatore Mastroianni, fedelissimo del deputato regionale del Pd Anthony Barbagallo, governa col sostegno di altri esponenti legati a un altro deputato dem, Luca Sammartino, a partire dal presidente del consiglio Giovanni Buttò. La giunta cambia tre assessori su quattro. Resta al suo Mirella Rizzo, vicesindaco, mentre ieri hanno giurato i due neo assessori Gabriele Gurgone e Giovanni Grasso, anche loro uomini di Barbagallo. Subentrano agli assessori uscenti Pippo Di Perna e a Gaetano Distefano, che avevano presentato le dimissioni la scorsa settimana.

Gurgone ha ricoperto, durante il primo mandato di Mastroianni, il ruolo di presidente del consiglio comunale e ha annunciato che lascerà il ruolo di consigliere per fare spazio a Giuseppe Scandurraprimo dei non eletti alle Amministrative del 2017. New entry, invece, quella di Grasso, per la prima volta designato per un ruolo amministrativo. Nulla di fatto, al momento, per il terzo assessore. Infatti nei giorni scorsi si era dimesso anche Antonio La Delfa, legato al deputato Sammartino. 

La Delfa resta in carica come consigliere comunale ma non è chiaro chi lo sostituirà perché la discussione, in area sammartiniana, è ancora aperta. Il nome in pole è quello del consigliere Ottavio Salamone, anch’egli vicino al deputato ex Articolo 4, che dovrebbe però dimettersi dallo scranno in aula per poi diventare assessore, in ossequio alla precisa indicazione del sindaco Mastroianni. Un indirizzo che, a quanto sembra, non sarebbe gradito da Salamone. 

«Per il momento stiamo parlando - ha detto a MeridioNews il consigliere Salamone - e vedremo prossimamente». Non si possono escludere, dunque, potenziali fratture o malumori nella maggioranza del sindaco. «Questo è un turnover programmato - ha detto Mastroianni presentando i nuovi assessori - sulla base di un'intesa raggiunta tra tutte le parti nelle settimane precedenti la mia vittoria di due anni fa. Avevano calendarizzato certe cose tra cui gli avvicendamenti in giunta. Ringrazio Distefano e Di Perna per la collaborazione di questi due anni e mi aspetto dai nuovi assessori entusiasmo e competenze». Il sindaco di Santa Maria di Licodia ha poi solo lambito il nodo dei sammartiniani: «Il terzo posto da assessore resterà libero fino a quanto non mi indicheranno il nome e solo quando avrò la squadra completa ridistribuirò le deleghe».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews