Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Librino: 80enne spinto a terra, picchiato e rapinato
Il 41enne arrestato poi rompe il naso a un poliziotto

Paolo Gangi, pluripregiudicato classe 1978, è stato trovato nella sua abitazione «nervoso e affannato». È accusato di avere aggredito l'anziano per i 350 euro che aveva nel portafogli, anche se il bottino non è stato trovato. In questura, poi, è andato in escandescenza 

Redazione

Un ottantenne aggredito alle spalle, scaraventato a terra e rapinato del portafogli con 350 euro dentro. Un pluripregiudicato 41enne, già arrestato l'1 giugno dai carabinieri per evasione dai domiciliari, incrociato per la strada dai poliziotti. Gli agenti delle volanti che intervengono a Librino. È questo il quadro di quanto avvenuto nella serata di ieri, quando Paolo Gangi (classe 1978) è stato arrestato con l'accusa di rapina aggravata, evasione dai domiciliari (di nuovo), resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. 

Erano circa le 20.45 quando una telefonata alla sala operativa denunciava una rapina avvenuta in viale Castagnola. La vittima, un anziano signore, aveva denunciato di essere stato aggredito all'interno dell'androne del palazzo al numero civico 5, descrivendo con dovizia di particolari il proprio aggressore. Gli agenti delle volanti si sarebbero così accorti che la descrizione coincideva con quella di Paolo Gangi, visto a piedi proprio in viale Castagnola pochi minuti prima. L'uomo, alla vista delle volanti, avrebbe accelerato il passo e raggiunto velocemente casa sua, al civico 3 della stessa strada.

I poliziotti sono così andati a casa dell'uomo, che hanno trovato «nervoso e affannato», e con abiti diversi da quelli descritti dall'anziano. Gli altri vestiti, però, sarebbero stati rinvenuti pochi istanti dopo nel balcone della cucina. Del bottino, invece, non c'era traccia. Gangi è stato così arrestato e portato in questura, ma quando è stato smanettato avrebbe aggredito gli operatori di polizia che erano con lui con calci e pugni. A un agente ha rotto il setto nasale (35 giorni di prognosi), all'altro ha causato contusioni al torace e al ginocchio sinistro (prognosi di sette giorni). Ri-ammanettato, è stato portato nel carcere di piazza Lanza.

Gangi è noto alle cronache locali per un'altra rapina ai danni di una persona in là con gli anni: era agosto 2018 quando le immagini della violenta aggressione subita da una 74enne nell'androne del suo palazzo, in via Napoli, hanno fatto il giro d'Italia. Il fatto era avvenuto il 9 giugno, ma solo due mesi dopo le forze dell'ordine erano riuscite a rintracciare il presunto responsabile - Gangi, appunto - nella sua abitazione. Per sfilare la fede d'oro dal dito della donna, il rapinatore aveva finito per romperglielo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×