Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, al via la tre giorni contro l'ecomostro
Idv-Comunisti: «Intervenga Castiglione»

«La Provincia di Catania ha mai avuto accesso ai progetti? Ha mai chiesto parere all'Arpa sui possibili danni alla salute dei cittadini?». Nella battaglia contro il sistema di antenne miltari voluto dall'amministrazione americana e in costruzione a Niscemi, si schierano anche i consiglieri provinciali Antonio Tomarchio e Giuseppe Branciforte, che chiedono al presidente Giuseppe Castiglione di intervenire. «È un problema nazionale», denunciano. Da domani tre giorni di manifestazioni a Niscemi

Salvo Catalano

«Il movimento anti-Muos è cresciuto, ma le istituzioni non hanno mai fatto niente per sostenerlo». Per i consiglieri provinciali etnei Antonio Tomarchio e Giuseppe Branciforte, del gruppo Idv-Comunisti, non è più ammissibile che siano solo i cittadini, riuniti nei comitati spontanei, a lottare contro la costruzione del sistema di antenne militari voluto dall’amministrazione Usa e in costruzione a Niscemi, provincia di Caltanissetta. Stamani i due consiglieri hanno presentato un'interrogazione al presidente della Provincia di Catania, Giuseppe Castiglione, per sapere cosa ha fatto o cosa ha intenzione di fare l’ente da lui guidato per salvaguardare la salute dei cittadini siciliani.

«La Provincia – si legge nell’interrogazione – ha mai avuto accesso agli atti autorizzativi e ai grafici del progetto? Ha mai chiesto il parere dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente in merito ai possibili danni per la salute dei cittadini?». Domande già avanzate in seno al consiglio provinciale nel giugno del 2009. Quell’ordine del giorno, presentato dallo stesso Tomarchio, venne votato all’unanimità dai consiglieri presenti (21 su 45), ma non ottenne mai una risposta. Adesso Tomarchio e Brancifote chiedono al presidente Castiglione di impegnarsi per fare della battaglia anti-Muos non più un problema siciliano, ma nazionale ed europeo. «Castiglione è a capo dell’Unione delle province italiane – spiega Tomarchio – perché non sfrutta la sua posizione per farne un caso nazionale? Perché non chiede l’intervento delle istituzioni europee?».

Nel sistema di comunicazione satellitare pensato dagli Stati Uniti, sono quattro le antenne militari Muos (Mobile User Object System) che dovrebbero essere realizzate nel mondo: in Virginia, in Australia, alle Hawaii e a Niscemi. «Tutte in zone disabitate – sottolinea il consigliere dei Comunisti – tranne a Niscemi dove si costruisce a tre chilometri dal centro abitato». Dal momento della prima interrogazione, nel giugno del 2009, ad oggi, il movimento anti Muos è cresciuto. Sono nati comitati spontanei di cittadini in tutta la Sicilia. «Anche a Catania il problema adesso è percepito di più – aggiunge Tomarchio – d’altronde quello che stanno realizzando è un sistema di controllo che prende le sembianze di una militarizzazione della Sicilia».

Il movimento domani si concentrerà a Niscemi, per una tre giorni con campeggio che durerà fino a domenica, tra assemblee e eventi musicali. Tutto in vista della settimana di mobilitazione per la smilitarizzazione della Sicilia, in programma dal 29 settembre al 6 ottobre.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews