Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Biancavilla, il salto in serie D grazie a tre rigori parati
Il super-portiere ammette: «Tutta questione d'istinto»

Virgilio Vitale è stato grande protagonista della finale di ritorno contro il Canicattì, vinta ai calci di rigore grazie alle sue intuizioni. La gioia del trionfo è ancora grande: «La cosa più bella sono stati i complimenti ricevuti dai miei colleghi»

Giorgio Tosto

Foto di: Messina Sportiva

Foto di: Messina Sportiva

L'autore del calcio di rigore decisivo per il salto in Serie D del Biancavilla, alla fine, è stato il giovanissimo ivoriano Rodrigo Yoboua. Una rincorsa breve e lenta, un destro a incrociare che non ha lasciato scampo al portiere avversario, spiazzandolo. Da lì ha avuto il via la festa dei tanti sostenitori gialloblu che hanno invaso San Cataldo: la quarta categoria del calcio italiano è realtà, per una squadra che nelle ultime due stagioni ha regolarmente lottato nei quartieri alti del Girone B di Eccellenza. Se Max Lucarelli, Daniele Scapellato e Yoboua sono gli autori dei tre tiri dal dischetto valsi la vittoria (supplementari conclusi 1-0 per il Canicattì, dopo l'andata vinta dal Biancavilla con lo stesso punteggio), la palma di man of the match va senza dubbio alcuno al portiere Virgilio Vitale: il numero uno degli etnei si è infatti superato, parando tre rigori su quattro nella lotteria conclusiva.

Vitale, classe 1990, è un esperto in promozioni: con le maglie di Siracusa e Sicula Leonzio, infatti, ha vinto due volte l'Eccellenza, disputando con i bianconeri anche una stagione in D. È stato lui a mettere letteralmente le mani sulla promozione targata Biancavilla, intercettando le conclusioni dagli undici metri di Vittorio Caronia, Francesco Maggio e Salvatore Giglio. Si tratta di grande abilità o è più una sfida di nervi? «Credo più alla seconda ipotesi - ha confermato il portiere a MeridioNews -. I primi due rigori non sono stati calciati benissimo: sul terzo, invece, ho fatto la parata più difficile, essendo un tiro all'angolino basso. Andare a prendere la palla è stato complicato. Si tratta di attimi: bisogna riuscire a capire un istante prima dove possa andare a finire la sfera». 

Gli allenamenti hanno ovviamente un ruolo particolare, ma serve altro. «Come ogni sabato, da 13 anni a questa parte - ricorda Vitale - c'è la sessione dedicata ai rigori: ma ci si può allenare solo fino a un certo punto. Il segreto è quello di intuire la traiettoria del pallone. Da qualche stagione è un po' più facile studiare il calcio degli avversari, grazie alle tante riprese e ai video che è possibile reperire». Anche tranquillità ed esperienza, poi, giocano un ruolo importante: «Chi non ha mai indossato i guanti difficilmente può capire le sensazioni che si provano stando in porta. Sono sincero - ammette Vitale - probabilmente avevo più tensione nelle partite precedenti. All'inizio c'è stata adrenalina, ma poi è svanito tutto. Sono abituato a queste pressioni, è la mia terza promozione negli ultimi cinque anni».

La soddisfazione più grande, dopo la festa post partita, sono stati i tanti complimenti ricevuti: «È stato bello svegliarsi il giorno dopo con ancora in mente le emozioni dei 120 minuti di partita. Ho trovato tanti messaggi da parte di amici, ex compagni e direttori sportivi. Ciò che mi ha reso più orgoglioso, però - specifica Vitale - sono i complimenti dei miei colleghi. Un attestato di merito che vale più di ogni altra cosa». Il tempo di gioire, comunque, non sarà tantissimo: non esistono pause per superman Virgilio Vitale che, tra qualche giorno, partirà in direzione Viareggio per difendere i legni del Sicilia Beach Soccer, squadra impegnata nel massimo campionato nazionale. «Non mi fermo praticamente mai - ammette sorridendo l'intervistato - ma fare ciò che più ti piace allontana ogni tipo di stanchezza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×