Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Refugees’ got talent, lo show si fa in piazza Università
«Performance d'arte per raccontare le loro emozioni»

In occasione della Giornata mondiale del Rifugiato, il 21 giugno si esibiranno danzatori, cantanti e attori. Con i migranti anche artisti etnei sensibili alle condizioni dei richiedenti asilo. A MeridioNews parla il direttore artistico

Antonia Maria Arrabito

«Speriamo che i giovani colgano questa sfida», erano state circa un mese fa le parole di Francesco Patanè, direttore artistico di Refugees’ got talentil primo contest che mette al centro i migranti, sul piano sia umano che artistico. Una sfida accolta che adesso «ci consente di fare un viaggio immaginario per i continenti del mondo». Su iniziativa della Rete del rifugiato e in occasione della Giornata mondiale del rifugiato, il 21 giugno in piazza Università si esibiranno i 13 finalisti, di cui saranno premiati i tre migliori nelle sezioni canto, danza e recitazione.

Un talent sui rifugiati, ma non solo per rifugiati. Aperto alla partecipazione di chiunque, purché sensibile al tema lanciato. «Infatti si è presentato anche un gruppo musicale italiano – racconta Patanè – L’obiettivo era la ricerca di talenti capaci di emozionare sul palco. E così è stato. Su ventuno, ne abbiamo scelti tredici». Una selezione avvenuta sulla base dei video conoscitivi dalla durata di tre minuti inviati dai partecipanti, così come previsto dal bando trasmesso alle varie comunità che si occupano di integrazione e accoglienza sul territorio etneo. «Abbiamo visionato performance di vario genere: qualche inedito musicale, canzoni reinterpretate, esibizioni di danze molto ritmiche legate alla cultura indiana, giamaicana e latinoamericana, recitazione di testi scritti e interpretati dai concorrenti».

La scelta è stata effettuata da un gruppo di lavoro costituito da Patanè, appunto, nonché da un volontario del Centro Astalli di Catania, che si occupa di assistenza agli immigrati, da un componente locale della Agenzia per il rifugiato Unhcr e dal personale di segreteria che ha collaborato alla raccolta del materiale. Sul palco di piazza Università ci saranno suoni d’oltreoceano e note liriche che raccontano le emozioni di chi parte, di chi arriva ma anche di chi continua a vivere idealmente nella terra natìa. «I concorrenti raccontano attraverso l’arte molte emozioni: l’abbandono, la nostalgia ma soprattutto l’incontro, che nasce dal confronto delle differenze». 

Ma anche «la voglia di essere considerati persone e non scarti nelle terre in cui arrivano e dove ritrovano la pace, a confronto con il ricordo della guerra. A cui, purtroppo, restano ancorati attraverso i contatti che hanno con i parenti rimasti là, quando hanno la fortuna che non siano morti. Insomma, raccontano, cantano e danzano la speranza di un futuro migliore per tutti, in un mondo che è più bello se le differenze si fondono». Così lo show mostra il migrante come «un altro se stesso; perché anche ascoltare ritmi che non sono consoni al nostro orecchio mette in moto la dinamica dell’incontro».

Alle esibizioni si alterneranno testimonianze dirette, mentre i vincitori saranno premiati con una targa simbolica e una macchina fotografica. «Saranno designati da una giuria di esperti in canto, danza e recitazione – precisa il direttore artistico –. Ma il nostro vero scopo è fare capire che i migranti sono risorse potenti per la nostra città e non pesi sulle spalle dei cittadini. Forse dal punto di vista artistico è un esperimento, ma assume maggiore valore per le persone che lo stanno compiendo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.