Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mosema: accordo tra ditta, lavoratori e Comune
Bando per 25 posti tra Mascalucia e S. Gregorio

L'intesa, raggiunta dopo l'incontro tra sindacati e società, ha placato le proteste dei precari che da circa due settimane erano in presidio davanti al Comune. L'avviso di selezione è stato pubblicato ieri e prevede tra i requisiti anche «esperienza lavorativa di almeno sei mesi»

Gabriele Patti

È stata raggiunta l’intesa tra lavoratori, amministrazione Mosema e Comune. Venticinque posti messi a concorso e la mancata intermediazione delle agenzie interinali hanno placato le proteste dei precari che orbitano da anni nel circuito della ditta che si occupa della gestione della raccolta dei rifiuti nei centri di San Gregorio, Aci Bonaccorsi, Valverde, Pedara, Viagrande, Taormina e (fino a marzo) Mascalucia

Si è tenuto ieri, nella sede di Mosema Spa, l’incontro tra sigle sindacali e vertici della società per l’emanazione del bando di selezione che dovrebbe stabilizzare i precari della ditta da oltre un mese sotto l’occhio del ciclone. Dopo circa due settimane di presidio davanti al Comune di Mascalucia, ieri la società in stato di liquidazione - le cui sorti sono state affidate al commissario liquidatore Maurizio Verona - ha pubblicato l’avviso di selezione. 

«Ai sensi dell’articolo 4 del Regolamento per il reclutamento del personale e per le progressioni verticali - si legge sul sito della ditta - è indetta una selezione ad evidenza pubblica che annulla e/o sostituisce ogni precedente avviso, per l’assunzione con contratto di lavoro subordinato a termine e-o a tempo indeterminato». Venti posti sono riservati a ricoprire il ruolo di operatore ecologico con inquadramento 2B del Ccnl Fise Assoambiente (operai comuni) con orario di lavoro full-time per 38 ore settimanali distribuite su sei giorni, oppure con orario di lavoro part-time per 19 ore settimanali. Altri cinque lavoratori - part-time o full-time - ricopriranno il ruolo di autista, con inquadramento 3B. Per la partecipazione alla procedura è previsto il versamento di un contributo di venti euro a carico dei singoli partecipanti, pena l’esclusione dalla selezione. «La tassa - specifica il bando - non sarà rimborsabile in nessun caso». 

Nel corso della vertenza, sia l’amministrazione che il portavoce dei precari avevano chiarito che il bando dovesse prevedere dei requisiti che agevolassero la selezione dei precari in protesta. E così sembra essere. Infatti, tra i requisiti minimi per l’ammissione - oltre all’assenza di condanne negli ultimi cinque anni con pena maggiore a sei mesi di reclusione o l'arresto e l’assenza di carichi pendenti per reati puniti con pena non inferiore a sei mesi - è prevista un’esperienza lavorativa di almeno sei mesi nel periodo che va dall’1 gennaio 2016 al 31 maggio 2019. «La società - precisa il bando - si riserva la facoltà di affidare, in tutto o in parte, la procedura di selezione del personale a società esterne, specializzate nell’attività di reclutamento e selezione». Di sicuro c’è che i lavoratori verranno impiegati nel territorio dei Comuni di Mascalucia e San Gregorio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×