Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caso Pappalardo Fiumara, il vescovo sostiene il prete
«Percorso di recupero delle virtù umane e sacerdotali»

Il capo della diocesi di Acireale Antonino Raspanti ha «sostenuto il gesto del sacerdote». Don Luigi Privitera ha denunciando il pianista di fama internazionale ed ex vicesindaco di Riposto, poiché intendeva «rompere un circuito negativo e degradante»

Redazione

Don Luigi Privitera, il parroco di Trepunti di Giarre che ha denunciato il pianista di fama internazionale Gianfranco Pappalardo Fiumara, voleva «rompere un circuito negativo e degradante». Questo si legge adesso in una nota inviata dal vescovo della diocesi di Acireale Antonino Raspanti che «ha sostenuto il gesto del sacerdote e con lui ha stabilito anche un percorso di recupero e di rafforzamento delle virtù umane e sacerdotali».

Il 40enne musicista, fino a qualche tempo fa vicesindaco di Riposto, lo scorso venerdì è stato arrestato con l'accusa di estorsione. A denunciarlo ai carabinieri di Santa Venerina è stato il prete giarrese che, in chat, si era presentato come un «insegnante con la moglie al nord». I due si sono frequentati per almeno un paio di mesi. Per incastrare il noto pianista, i carabinieri si sono nascosti nella sagrestia della chiesa per ascoltare la conversazione dell'ultimo incontro fra il prete e l'amante che lo stava ricattando. Minacciandolo di inviare al vescovo foto e video dei loro rapporti sessuali, realizzati senza il consenso del prete.

Il costo per il silenzio sarebbe stato di cinquemila euro. Interrogato nell'udienza di convalida dell'arresto, Pappalardo Fiumara - difeso dall'avvocato Enzo Guarnera -ha ammesso gran parte dei fatti ma ha negato di avere ricevuto il denaro. L'ex vicesindaco avrebbe anche spiegato di avere agito perché il prete voleva interrompere il loro rapporto. L'artista e politico, adesso, si trova agli arresti domiciliari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×