Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, saccheggio senza fine negli edifici pubblici
Centro diurno svaligiato: smontate anche le finestre

Otto infissi, due porte, cinque computer, un frigorifero e alcuni climatizzatori. Questo il bottino dell'ultima razzia perpetrata ai danni della struttura di viale Kennedy. Le istituzioni locali sembrano impotenti davanti al dilagare degli episodi

Salvatore Caruso

Una razzia continua, senza sosta. Palese ormai come, a Paternò, soggetti senza scrupoli abbiano preso di mira gli edifici pubblici, creando danni e disagi all’utenza e all’ente comunale. Davanti a tale scenario, le istituzioni locali si stanno dimostrando impotenti nell'arginare un fenomeno i cui colpevoli restano quasi sempre senza volto e nome. Individui come piranha, è il caso di dirlo, che stanno divorando a poco a poco la città.

L’ultimo furto è stato messo a segno ai danni del Centro diurno per minori di viale Kennedy. Ignoti avrebbero agito per ben due volte soltanto questa settimana, portandosi via otto infissi in alluminio, due porte, cinque computer, un frigorifero. Alcuni climatizzatori sono stati distrutti per trafugarne il rame che contenevano, altri invece sono stati trafugati. Coloro che hanno agito, con molta probabilità, erano in possesso di un mezzo su cui caricare la merce trafugata. Nessuno dei residenti della zona avrebbe però visto o sentito qualcosa di anomalo. 

A fare la scoperta il personale della cooperativa che lavora nella struttura, purtroppo spogliata anche di un sistema d'allarme, non funzionante. Tempo addietro poi qualcuno si portò via le 16 telecamere della videosorveglianza all'esterno dell’immobile. L'impianto da allora non fu mai ripristinato.

Il centro diurno è solitamente frequentato, durante il periodo scolastico, da una quarantina di ragazzi iscritti alle scuole elementari e medie inferiori. Ogni pomeriggio la struttura viene usata come luogo di ritrovo, mentre gli operatori a titolo gratuito, li seguono aiutandoli nei compiti per casa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×