Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scioperano i pompieri: «Stanchi delle solite promesse»

Redazione

Lunedì 17 giugno sciopero dei Vigili del fuoco di Catania. È previsto anche un corteo per le strade cittadine. A motivare la protesta - spiegano Fp Cgil, Fns Cisl, Uilpa, Conapo, Confsal e Usb - la carenza «di personale operativo e amministrativo, il completamento del nucleo sommozzatori H24 il riconoscimento professionale dei portuali continuamente bistrattati. Un vuoto che non consente di garantire nemmeno il soccorso ordinario». Una situazione che «ha costretto i vertici provinciali alla chiusura dei distaccamenti cittadini (distaccamento Sud, Adrano, Paternò, distaccamento nord con relativo uso improprio dei portuali), sovraccarica le competenze del personale in servizio a scapito della sicurezza e salvaguardia della popolazione oltre a pregiudicare in maniera grave l'efficacia e la tempestività del soccorso tecnico urgente». 

l sindacati sollecitano (anche da svariati anni) la Direzione regionale dei Vigili del fuoco a richiedere al ministero «la mobilità straordinaria del personale operativo residente a Catania (un buco nell'acqua dopo le promesse post terremoto), l'apertura del distaccamento di Palagonia (nevralgico per la zona Sud di Catania, già decretato permanente), il trasferimento di risorse economiche per garantire le prestazioni straordinarie e far fronte alle carenze» ( anche se non è una soluzione plausibile al problema).

Carmelo Barbagallo, coordinatore regionale della Usb vigili del fuoco Sicilia nonché reggente del coordinamento catanese, rimarca che i lavoratori «vogliono lavorare bene, in sicurezza e con maggiore tutela, siamo stanchi di promesse e pacche sulle spalle. Facciamo doppi turni alla prima micro emergenza, perché manca il personale, abbiamo stipendi inadeguati (l'ultimo contratto è stato una vera truffa) e straordinari arretrati dal 2018, che erano stati promessi entro il novembre scorso». Barbagallo sottolinea anche la «carenza di formazione e i mezzi senza manutenzione e insufficienti (quelli arrivati non sono adatti al territorio)». 

(Fonte: Ufficio stampa Usb Vigili del fuoco Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.