Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Call center, sale la tensione sulla vertenza Monalisa
«Contratti co.co.co o licenziamento», via a proteste

Questa mattina all'ufficio provinciale del lavoro si è tenuta una riunione tra le sigle sindacali e l'azienda di Misterbianco. La proposta sul piatto resta sempre la stessa: trasformare cento contratti di lavoro in rapporti di collaborazione coordinata e continuativa

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Un call center e il bivio tra precariato e la disoccupazione per più di cento lavoratori. Si è tenuto oggi il sit-in, organizzato davanti alla sede dell’ufficio provinciale del lavoro di Catania dal sindacato Snalv Confsal, in occasione dell’incontro sulla fine della procedura di licenziamento collettivo tra sigle sindacali e vertici di Monalisa contact. L’azienda di Misterbianco, che da oltre dieci anni cura in subappalto le commesse di Vodafone business, sembra essere giunta al capolinea. E a pagarne lo scotto sono, come sempre, i dipendenti. A conclusione dell’incontro la redazione di un verbale negativo che mette fine al dialogo tra azienda e lavoratori. La causa della chiusura dell’attività, secondo quanto trapela da fonti sindacali, sarebbe da rintracciare nelle difficoltà economiche dell’impresa.

«L’azienda – afferma Alessandra La Ferla, responsabile sindacale aziendale in quota Uiltucs - sostiene di essere in deficit e di avere un bilancio in passivo per cui non riesce a sobbarcarsi le spese di noi lavoratori». Ma questa versione non convince molti. Tra i lavoratori si insinua il dubbio che dietro alla chiusura dell’azienda ci possa essere una riapertura sotto altro nome. «Un anno e mezzo fa – spiega un dipendente in protesta - l’azienda per cui lavoriamo (gruppo Aura) è stata premiata come migliore agenzia Vodafone in Italia. Quindi credere a un deficit di bilancio risulterebbe un po’ impegnativo. Sembrava che tutto andasse per il meglio».

Lo scorso 2 aprile, però, il call center ha comunicato la cessazione dell’attività, quantificando in cento persone gli esuberi, e ha proposto la stipula di contratti a progetto. «Questo – sottolinea la sindacalista Uiltucs – avrebbe potuto essere fattibile solo se i sindacati avessero accettato la proposta». Oggi, però, l’accordo non è stato raggiunto, la procedura si è chiusa in negativo e l’azienda è costretta, entro 120 giorni a decorrere da oggi, a chiudere i battenti e spedire le lettere di licenziamento secondo i preavvisi previsti dalla legge. «Abbiamo cominciato a progetto – prosegue La Ferla - ora non possiamo pensare di tornare indietro. Alle spalle dei lavoratori ci sono le famiglie, non possiamo accettare 300 euro al mese».

«Si tratta – spiega Sergio Romano di Snalv Confsal - di una morte annunciata che l’azienda imputa ai lavoratori. Ma io dico, invece, che è colpa di una scellerata direzione di questo call center». I rappresentanti sindacali non sono disposti ad assumersi la colpa e rincarano la dose: «La direzione – sostiene il sindacalista - gridava all’assenteismo quando in realtà l’azienda, pur di risparmiare, permetteva di prendere giorni non pagati, ma non concedeva ferie». Secondo Snalv Confsal, dunque, l’allarme assenteismo non era altro che un specchietto per le allodole. «Un assenteismo pilotato – prosegue Romano - per risparmiare sul costo del lavoro. Questo vi fa capire che Monalisa è una putìa e non un’azienda».

Se questo è il passato, c’è da capire cosa succederà in futuro. La fine della procedura di cessazione attività obbligherà l’azienda a versare nove mensilità di contributi, per ciascun dipendente, all’Inps. Fino a quel momento il sindacato invita i lavoratori a rimanere compatti e a tornare a lavoro, senza però rinunciare a dare battaglia. «La procedura – conclude Romano - si chiude il 21 giugno. Se l’azienda non licenzierà i lavoratori - permettendo loro, così, di prendere la disoccupazione - dal 22 giugno proclameremo uno sciopero a tempo indeterminato». Domani, intanto, sindacati e lavoratori manifesteranno davanti alla prefettura di Catania. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.