Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sparatoria a Librino, trovate mitragliatrici e un fucile
Arrestati un uomo vicino ai Nizza, la moglie e la nuora

Un errore che ha portato fino a casa sua: chi ha gettato le armi nei pressi del luogo dell'agguato dell'11 maggio in viale Moncada ha dimenticato, nella stessa busta, anche dei documenti destinati ad Antonino Scordino, pregiudicato ritenuto vicino ai santapaoliani

Redazione

Sarebbero state di Antonino Scordino, pregiudicato classe 1965, le armi trovate nei pressi del luogo dell'agguato avvenuto a Librino lo scorso 11 maggio. In quella circostanza sono stati feriti da dietro, raggiunti da diversi colpi di pistola, due ventenni a bordo di uno scooter a Librino, periferia sud di Catania. Le indagini della squadra mobile etnea scattate dopo l'episodio hanno portato anche all'arresto della moglie Giuseppina Patrizia Aleo, 50 anni, e della nuora dell'uomo, la 22enne  Maria Giorgia Rungo, poiché accusate di detenzione illegale di armi da guerra, ricettazione e detenzione illegale di arma clandestina e di soldi falsi. Reati che sarebbero stati commessi in condizione di assoggettamento e omertà di stampo mafioso, agevolando la cosca dei Santapaola-Ercolano.

Ben nota agli inquirenti, infatti, è la «storica vicinanza» di Scordino al clan Nizza di Librino, circostanza che ha spinto l'autorità giudiziaria a ritenere fondata l'aggravante dell'associazione mafiosa. In viale Moncada, teatro dell'agguato, la squadra mobile aveva infatti rinvenuto sul retro del palazzo lì di fronte due mitragliatrici, un fucile d'assalto e vari caricatori e cartucce. Una mole di armamenti che sarebbe stata detenuta da Scordino e abbandonata in strada nei pressi del luogo della sparatoria, forse nel timore di un controllo della polizia. Ma in una busta che occultava le armi gli inquirenti avrebbero rinvenuto delle carte intestate all'indagato. 


Il quadro si è poi aggravato con la perquisizione in casa Scordino. Da una borsa, oltre a delle manette e a una carabina ad aria compressa, sono spuntate una pistola mitragliatore e una Beretta semiautomatica con la matricola abrasa. Poi cartucce a volontà e oltre ottomila euro fasulli in banconote da 20 euro. Scordino si trova adesso nel carcere di Bicocca, mentre la moglie Giuseppina è stata condotta a piazza Lanza. Maria Giorgia Rungo è stata invece scarcerata per assenza di esigenze cautelari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.