Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Dl Crescita, salta il voto alla Camera dei deputati
C'è l'ipotesi che il decreto torni alle commissioni

Il governo avrebbe dovuto porre la fiducia ieri, ma i due relatori del decreto che salverà Catania hanno chiesto un rinvio a questa mattina. Con la possibilità che il testo venga spedito di nuovo indietro, per modificare ulteriormente qualche emendamento sul Sud

Luisa Santangelo

Niente voto. Il decreto Crescita doveva essere discusso e votato ieri (con la richiesta di fiducia da parte del governo), invece i due relatori - Giulio Centemero (Lega) e Raphael Raduzzi (M5s) - hanno chiesto un rinvio a oggi, con la possibilità di spedire di nuovo indietro il testo alle commissioni. Tutta colpa del meridione, sembra. Perché l'emendamento che sposta la competenza sui fondi europei per il Mezzogiorno alle Regioni, togliendola alla ministra per il Sud Barbara Lezzi, sembra che non sia piaciuto alla titolare del dicastero. Nonostante a votare favorevolmente la modifica siano stati anche i pentastellati, suoi compagni di partito. 

Così, mentre il Partito democratico e Liberi e uguali parlano esplicitamente di una «crisi di governo», Centemero e Raduzzi fanno spallucce e ottengono, con 181 voti di scarto, lo spostamento della seduta a questa mattina. Poi, a dialogo gialloverde avvenuto senza fretta, si saprà se è necessario ricominciare la trafila o se, invece, si procederà col voto di fiducia. Catania, dunque, resta ancora col fiato sospeso e la scadenza per la conversione in legge è tra meno di dieci giorni.

La discussione a Montecitorio sul decreto legge comincia pigramente ieri mattina ma si conclude, dopo quasi 12 ore di seduta con poche interruzioni, intorno alle 19.30, quando è passata la linea di Centemero e Raduzzi che chiedevano di spostare tutto a oggi per non meglio precisate questioni tecniche. Suscitando un vespaio di polemiche. Dell'articolo 38, quello che contiene il Salva Roma e, soprattutto, il vero Salva Catania si parla poco. Chi lo cita con più veemenza è Stefano Fassina di Liberi e uguali, che ci tiene a sottolineare che «non è un Salva Roma, è Roma che salva gli altri Comuni, perché alla Capitale d'Italia vengono sottratte risorse». 

Fatto vero, giacché i fondi per i Comuni capoluogo delle città metropolitane in dissesto (cioè Catania soltanto) devono arrivare dalla rinegoziazione favorevole dei mutui del Comune amministrato dalla pentastellata Virginia Raggi. Il fatto, però, resta: Roma viene aiutata, e Catania pure. Due piccioni - e forse di più - con una fava. E dietro a tutto c'è il sottosegretario leghista Stefano Candiani. Che forse mai si sarebbe aspettato, da leghista varesotto, di trovarsi a tirare per la giacchetta un Comune siciliano.

C'è chi racconta che senza il suo impegno, forse frutto di un corteggiamento serrato nei confronti del sindaco Salvo Pogliese (da poco orfano di Forza Italia), questi 475 milioni di euro non si sarebbero trovati. E c'è chi dice che sia stato lui a caldeggiare un altro aspetto del decreto Crescita di cui forse si è discusso poco: la possibilità di ottenere anticipazioni di tesoreria non più su due dodicesimi, bensì su sei. Nonostante qualche iniziale perplessità che pare sia stata mossa dagli uffici del ministero dell'Economia e delle finanze e dello staff della viceministra Laura Castelli

A quest'ultima - e al lavoro di gruppo della senatrice Nunzia Catalfo, della deputata Simona Suriano e del neo-eurodeputato Dino Giarrusso - sarebbe da attribuire il merito di un'altra iniezione di denaro: il fondo da quasi 75 milioni di euro da ripartire sulle città metropolitane in dissesto o predissesto. Oltre a Catania, qualcun'altra ce n'è. Ma si tratta comunque di poco meno di una decina di milioni di euro all'anno, che non fanno certo male alla salute del liotro. Per questo sulla Camera dei deputati sono puntati gli occhi di Palazzo degli elefanti al gran completo. Il sogno di amministrare un Comune in dissesto ma pieno di denari elargiti a fondo perduto dallo Stato farebbe emozionare qualunque sindaco. Figurarsi quello che viene dopo un ex ministro dell'Interno.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews