Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Truffa Inps, i finti braccianti agricoli erano centinaia
Decine di aziende di Paternò al centro dei controlli

I militari visitano da giorni gli uffici dell'Istituto nazionale di previdenza sociale di viale dei Platani. Hanno ritirato i faldoni relativi a diverse imprese che avrebbero dichiarato assunzioni di dipendenti che, però, non avrebbero lavorato. Tutto per percepire i sussidi

Salvatore Caruso

Una truffa ai danni dell’Inps di importo ancora da quantificare ma che potrebbe essere, secondo una prima stima effettuata dalle autorità competenti, di circa due milioni di euro. Almeno secondo la prima ipotesi, che attende di essere confermata o smentita dopo l’analisi di una vasta documentazione da parte dei carabinieri della compagnia di Paternò. Sono stati loro a recarsi nei giorni scorsi, a più riprese, negli uffici della sede Inps di Paternò, in viale dei Platani, per ritirare una serie di faldoni per fare chiarezza sulla presunta truffa perpetrata da numerose aziende del distretto paternese. Il numero dovrebbe aggirarsi intorno alle decina di ditte, tutte operanti nel settore agricolo, che nel biennio 2017-18 avrebbero fittiziamente assunto centinaia, se non addirittura migliaia, di dipendenti. Un danno enorme per le casse dello Stato.

Non è ancora chiaro se l’attività investigativa sia partita a seguito della denuncia presentata da un privato oppure da un ente pubblico. I militari dell’Arma stanno procedendo a esaminare le numerose dichiarazioni aziendali attestanti l’impiego, mai avvenuto, di operai al fine di consentire l’indebita percezione di indennità di disoccupazione, malattia, assegno nucleo familiare e maternità. Sulla vicenda è intervenuta la Uil-Uila che, per voce di Nino Marino e Roberto Prestigiacomo, che plaude «alle forze dell’ordine e ai carabinieri della compagnia di Paternò. Da tempo come organizzazioni sindacali avevamo denunciato questo triste fenomeno. Abbiamo sempre proposto che l’ispezione venga fatta all’azienda al momento in cui procede all’assunzione, non dopo due, tre anni».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.