Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Come funzionano concessioni e tariffe dei dehors
Ma la Regione mescola le carte e cambia le regole

In attesa del Regolamento comunale - fermo negli uffici di Palazzo degli elefanti da oltre cinque anni - dall'ente si fa riferimento al Cosap per l'applicazione del canone per l'occupazione di spazi e aree pubbliche secondo una precisa planimetria. Guarda la foto

Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

La città divisa in quattro aree. Il Regolamento per l'applicazione del canone per l'occupazione di spazi e aree pubbliche (Cosap), che è stato approvato con la delibera numero 24 del consiglio comunale di Catania il 3 luglio del 2012, divide la città in quattro aeree. È un documento di 26 pagine (oltre a un allegato con la planimetria) che regolamenta le procedure per il rilascio, il rinnovo e la revoca degli atti di concessione o autorizzazione, la classificazione in categorie di importanza delle aree pubbliche, le misure di tariffa e i criteri di determinazione del canone. In attesa del Regolamento comunale dei dehors - fermo negli uffici di Palazzo degli elefanti da oltre cinque anni - è questo il documento cui fanno riferimento dall'ente comunale. Nella planimetria allegata al regolamento Catania è divisa in quattro aree per fissare la tariffa base, per le occupazioni sia temporanee che permanenti, che è «comprensiva del valore economico delle disponibilità dell'area - si legge all'articolo 22 del Regolamento - e del sacrificio imposto alla collettività». 

Caro suolo pubblico. La questione è tornata alla ribalta dopo il provvedimento dirigenziale delle Attività produttive del Comune di Catania, dello scorso 7 giugno, che dà la concessione di occupazione di suolo pubblico alla ditta Prestipino eventi & catering srl per un nuovo dehors a piazza Duomo, proprio davanti al palazzo dei Chierici. «Per la concessione - ha affermato l'assessore Ludovico Balsamo a MeridioNews - la ditta pagherà al Comune oltre cinquemila euro l'anno che, nella situazione economica delle casse comunali, male non fanno». Per le tariffe da applicare, il territorio catanese è stato diviso in quattro categorie e aree con linee tracciate su una cartina con evidenziatori di colori diversi. 

La prima (contrassegnata sulla mappa dal colore giallo) è la zona del centro storico (che va da piazza Alcalà a Ognina) dove la tariffa è di 1,15 euro al giorno per metro quadro o lineare. La seconda area (che nella cartina è tracciata con il colore rosa) è la zona di Cibali, delimitata a nord dalla Circonvallazione e a sud da corso Indipendenza. Qui il costo per l'occupazione di suolo pubblico è di 1,10 euro. Nesima, Canalicchio, San Giovanni Galermo San Nullo rientrano nella terza aerea (delimitata con il colore rosso) dove la tariffa è di 1,00 euro. La rimanente parte della città, quella a sud del porto che comprende i quartieri Librino, San Giorgio, Vaccarizzo e Villaggio Sant'Agata (segnata sulla mappa con il colore azzurro) rientra nella quarta categoria per cui è prevista una tariffa di 0,90 euro.

Ridisegnare la città. Con la legge regionale numero 5 del 6 maggio del 2019 sono stati individuati gli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica e sottoposti a una procedura semplificata. Tra le opere in aree vincolate per cui non è più necessaria l'autorizzazione della Soprintendenza ci sono anche le «installazioni esterne poste a corredo di attività economiche quali esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, attività commerciali, turistico-ricettive, sportive o del tempo libero, costituite - come recita il testo della norma - da elementi facilmente amovibili quali tende, pedane, paratie laterali frangivento, manufatti ornamentali, elementi ombreggianti o altre strutture leggere di copertura, e prive di parti in muratura o strutture stabilmente ancorate al suolo».  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.