Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il Catania si prepara alla rivoluzione calciomercato
Porta: Furlan in arrivo. Tentazione Lugano per Lodi

La sessione estiva porterà molti cambiamenti in rossazzurro. Ramzi Aya è del Pisa, mentre dovrebbe essere Jacopo Furlan il sostituto di Matteo Pisseri tra i pali. Il Lugano pensa a Lodi, mentre è ancora da risolvere il nodo legato al prossimo tecnico

Giorgio Tosto

Foto di: Calcio Catania Spa Official

Foto di: Calcio Catania Spa Official

Nel corso della conferenza stampa tenutasi a Torre del Grifo la scorsa settimana, l'amministratore delegato Pietro Lo Monaco aveva tracciato con chiarezza l'identikit dei calciatori che avrebbero certamente proseguito la propria avventura in rossazzurro. Partendo dalla terza linea, il direttore ha fatto i nomi di Tommaso Silvestri, Luca Calapai, Kalifa Manneh, Vincenzo Sarno, Davis Curiale e Matteo Di Piazza. Sei pezzi da novanta da cui ripartire, per tentare l'ennesimo assalto alla serie cadetta. È molto probabile, però, che attorno a loro il panorama sia ben diverso al primo giorno di ritiro: saranno tanti, infatti, i calciatori che in questa finestra di mercato diranno addio alla società etnea.

Partendo dalla porta, le strade del Catania e di Matteo Pisseri si divideranno dopo tre anni a fasi alterne, fatti di troppi alti e bassi. «È stanco di stare qui», aveva precisato Lo Monaco in merito all'ex estremo difensore del Monopoli: su di lui c'è anche il Bari neopromosso in C. Per la sua sostituzione, tutti gli indizi portano a un unico nome: quello di Jacopo Furlan, classe 1993 in forza al Catanzaro e libero di prendere accordi con altre squadre dal 30 giugno in poi. L'ex Trapani, protagonista due stagioni fa in maglia granata di una grande prestazione al Massimino, sembra ormai in procinto di vestire il rossazzurro.

Passando alla difesa, dopo due stagioni e 83 presenze in rossazzurro, è ormai agli sgoccioli l'esperienza catanese di Ramzi Aya: il calciatore non ha voluto rinnovare il suo contratto, sposando la causa del Pisa neopromosso in Serie B che gli ha proposto un accordo triennale. È il momento del commiato anche per Andrea Di Grazia, mai impiegato quest'anno e già da tempo promesso sposo del Pescara, altra formazione cadetta. A rimpiazzare Aya potrebbe essere un gelese doc come Vincenzo Camilleri, classe 1992 ex di Reggina, Chelsea e Juventus che quest'anno ha difeso i colori della Vibonese. In mezzo al campo, ore contate per Giuseppe Carriero e Giuseppe Rizzo: il primo farà ritorno alla Casertana, il secondo sembra sul piede di partenza al termine di una stagione altalenante. 

Il caso più scottante, però, sembra al momento quello di Francesco Lodi. Il numero 10 del Catania potrebbe non incantare più la platea del vecchio Cibali col suo fatato piede sinistro: il Lugano, formazione del massimo campionato svizzero, vorrebbe puntare sulla sua classe per arrivare più in alto possibile e fare strada anche in Europa League. Dietro a questo trasferimento ci sarebbe la regia dell'ex rossazzurro Marco Padalino, team manager degli elvetici e, dal 2004 al 2006, brillante esterno di centrocampo proprio alle falde dell'Etna. Il nome di Lodi, comunque, resta sui taccuini della Juve Stabia neopromossa in B e del ricco Monza di Silvio Berlusconi.

La priorità è dare spazio ai giovani: va in questa direzione la volontà del club di aggregare in prima squadra il 2001 Emanuele Pecorino e il classe 1999 Mario Noce (in prestito al Cesena in D), rilanciando Mattia Rossetti, 23enne attaccante lo scorso anno alla Leonzio, senza dimenticare il rientro alla base di Maks Barisic. Capitolo panchina: l'incontro con Andrea Sottil sancirà la fine della sua esperienza a Catania, aprendo quindi in via ufficiale la caccia al suo successore. Vincenzo Italiano ha detto di sì allo Spezia: la situazione è ancora nebulosa e i nomi accostati al Catania sono tanti. Alessandro Calori, ex Trapani, sembra ipotesi lontana così come quella che porta a Carmine Gautieri. Due al momento le suggestioni: Alessandro Dal Canto, ormai ex tecnico dell'Arezzo, e l'opzione Lorenzo D'Anna, reduce da un esonero al Chievo. Segni particolari: entrambi i tecnici adottano lo schema 4-3-3, la base da cui ripartirà la squadra il prossimo anno.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.