Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

San Berillo, case con vista baraccopoli
Tra topi e prostituzione, residenti esausti

In via Archimede i balconi sono proibiti ai bambini. «Non vogliamo che i nostri figli assistano a certe scene», denunciano alcuni residenti. Proprio sotto i loro balconi si estende la più grande delle baraccopoli sorte in Corso Martiri della Libertà.  «Di notte i capi affittano le baracche alle prostitute», raccontano i cittadini che due anni fa si sono riuniti in comitato e hanno presentato numerose denunce. Ma nulla è cambiato. Mentre c'è scetticismo in vista dell'inizio dei lavori di riqualificazione: «Finiranno subito dopo le elezioni». Guarda il video e le foto

Salvo Catalano

«Non posso fare affacciare le mie bambine al balcone di sera, perché non voglio che vedano certe cose». Qerdourf Radouane è un commerciante di origini turche che abita insieme alla moglie e alle due figlie piccole in via Archimede, la strada parallela al Corso Martiri della Libertà. Quando apre le finestre del suo appartamento si ritrova davanti la baraccopoli più grande tra le tre cresciute dentro le voragini del viale. Case di lamiera, legno, plastica, circondate da montagne di rifiuti e apparentemente sviluppatesi senza logica. Salvatore Florio, giovane odontoiatra, residente nello stesso palazzo di Rabouane le chiama «ville», e dietro il caos, secondo lui, esiste una precisa organizzazione. «Quella più grande, al centro, è la villa del capo – spiega – è lì da più tempo, ha una recinzione più robusta delle altre. Le altre sono state costruite dopo; l’ultima, proprio a ridosso della strada, circa quattro mesi fa».

&feature=youtu.be

Sono esasperati gli abitanti di questo signorile palazzo di via Archimede. Da due anni denunciano il degrado in cui sono costretti a vivere: topi grandi come gatti in mezzo alla strada, ratti più piccoli che salgono fin dentro gli appartamenti, e un giro di prostituzione nelle ore notturne che si consuma proprio sotto i loro balconi. Nel 2010 hanno formato un comitato e presentato denunce a tutti gli ordini competenti: il prefetto, il sindaco, i vigili urbani, gli assessori all’ambiente. Ma le baracche sono sempre lì. «Vorrei andarmene, ma anche se volessi vendere o affittare la casa, non la vuole più nessuno», denuncia la signora che abita all’ultimo piano e che preferisce restare anonima. La faccia ce l’ha messa tante volte in questi anni, fino a quando «una vicina mi ha fatto capire che era meglio se mi stavo zitta». Ha blindato l’ingresso dell’appartamento con porte di ferro, perché ha paura, anche se, ammette, «fino ad oggi non è successo niente». Tuttavia è costretta a tenere lontana da casa la nipotina. «Ho detto a mio figlio di non portarla più qui, non voglio che veda certe cose».

[slideshow]

Florio spiega come alcune baracche vengano affittate dai capi alle prostitute che di notte stazionano in via Archimede e dintorni. «Hanno fatto un buco nel muro che porta direttamente dentro una casupola dove le prostitute entrano con i clienti», racconta. Per gli abitanti esasperati la speranza è rappresentata dall’inizio dei lavori per il grande risanamento previsto dal progetto dell’architetto Mario Cucinella. Nei giorni scorsi l’assessore alle Poltiche Sociali, Carlo Pennisi, aveva annunciato che le fosse sarebbero state liberate e ripulite entro l’autunno, con il contributo dei privati proprietari delle aree. Sgombero che tuttavia, secondo questi ultimi, spetta al Comune. In ogni caso l’Amministrazione ha promesso che ad ottobre inizieranno i primi lavori. «Ne sono certa – ribatte amara la signora dell’ultimo piano – inizieranno un giorno prima delle elezioni e naufragheranno misteriosamente subito dopo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews