Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tumore gigante alla testa di una bambina di otto anni
Asportato a Catania con una tecnica mai usata finora

All'ospedale Garibaldi registrato il primo caso al mondo di un neuroma intracranico gigante in età pediatrica rimosso con una tecnica innovativa. Il cancro è stato operato dopo averne ridotto la vascolarizzazione, salvando le strutture vitali della piccola

Redazione

È finito sulla prestigiosa rivista internazionale World Neurosurgery il caso dell’asportazione, compiuta all'ospedale Garibaldi di Catania, di un tumore intracranico gigante che aveva messo in pericolo la vita una bambina di otto anni. La novità, finora mai sperimentata al mondo, riguarda le modalità con cui un'equipe multidisciplinare etnea ha reso operabile un rarissimo neurinoma gigante del nervo trigemino che aveva intaccato le strutture vitali della piccola. 

A rendere nota la vicenda un comunicato dell'azienda ospedaliera. La neoplasia, manifestatasi con deficit visivo e dei movimenti dell’occhio destro, aveva già raggiunto considerevoli dimensioni rendendo indispensabile un intervento.  La risonanza magnetica aveva inoltre messo in luce i suoi rapporti con il tronco encefalico, l’arteria carotide intracranica, l’arteria basilare, l’arteria cerebrale posteriore e l’arteria cerebrale media. La massa aveva inoltre una ricchissima vascolarizzazione

Il pericoloso quadro ha portato il team - composto dai neuroradiologi interventisti Gianluca Galvano e Alfio Cannella della Radiologia del Garibaldi Centro e dai neurochirurghi Giovanni Nicoletti, Massimo Furnari e Carmelo Riolo della Neurochirurgia diretta dallo stesso Nicoletti - a pianificare una strategia mai eseguita al mondo per questo tumore in età pediatrica.

L'idea di fondo è stata di asportare il tumore dopo averne ridotto la vascolarizzazione attraverso unaprocedura di embolizzazione per via endovascolare. La devascolarizzazione avrebbe comportato una netta facilitazione della gestione del tumore. Prima i neuroradiologi hanno provveduto alla embolizzazione selettiva intravascolare delle arterie del tumore, utilizzando particolari particelle embolizzanti del diametro di 300-500 micron. Il giorno dopo la paziente è stata sottoposta all’intervento dei neurochirurghi che, facilitati nella loro opera dall’assenza di sanguinamento del tumore, hanno ottenuto la completa rimozione del tumore salvando le strutture vitali in rapporto con lo stesso.

La bambina dopo il trattamento dimostra un progressivo miglioramento dei deficit visivi presentati. «Non bisogna sorprendersi di certi risultati - ha detto Fabrizio De Nicola, direttore generale dell’Arnas Garibaldi - in quanto nella sanità siciliana esistono numerose realtà d’eccellenza. L’equipe guidata dal professor Nicoletti, con cui mi complimento sinceramente, si è sempre distinta per la capacità di introdurre soluzioni chirurgiche all’avanguardia».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.