Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

I giovani di Eco Hybrid Katane vogliono ancora stupire
A Londra sarà in corsa il prototipo green Vulcan Fury

Gli ingegneri in erba dell'Università di Catania tornano nell'arena della Shell Eco Marathon Europe 2019. E a MeridioNews svelano i segreti del veicolo frutto delle loro ricerche d'avanguardia nella mobilità pulita. «Il futuro è l'ibridazione dei sistemi di propulsione»

Gabriele Patti

«Quest’anno ci aspettiamo molto da Vulcan Fury». Sulla scia delle parole di Antonio Gurgone, team leader del progetto Eco Hybrid Katane, venti aspiranti ingegneri si preparano a volare a Londra per partecipare a Shell Eco Marathon Europe 2019. La competizione automobilistica annuale per squadre provenienti da Europa e Africa, ideata per studenti dediti alla progettazione di soluzioni innovative per la mobilità, si terrà dall’1 al 5 luglio in occasione dell’evento Make the Future Live. A vincere sarà il team che sarà riuscito a progettare, costruire e guidare veicoli ad alta efficienza energetica in grado di percorrere la maggiore distanza possibile con l’equivalente di un kilowatt l'ora o un litro di carburante. Dall’Istituto ‘Bucci’ di Faenza al Politecnico di Torino, sono numerosi gli italiani in gara. Tra questi anche gli studenti del dipartimento di Ingegneria dell’Università di Catania. Sulla griglia di partenza gli etnei portano un veicolo «unico al mondo» e tanta determinazione.


«Siamo pronti – spiega il team leader Antonio Gurgone, ingegnere – e i ragazzi sono pieni di aspettative». A calamitare consensi e fiducia è la vettura progettata interamente dagli studenti e alimentata da due supercondensatori con un sistema ibrido-serie «introvabile sul mercato». Sarà appunto il veicolo Vulcan fury a solcare la pista del Mercedes-Benz World di Weybridge. «Il circuito è semplice – sostiene Gurgone - e talmente pianeggiante che ci permetterà di sfruttare al massimo i nostri motori elettrici con un limitato dispendio di energia».

A dieci giorni dall'inizio della gara, il team non si sente di fare pronostici. «Temiamo tutti e nessuno, in particolare i francesi - dice Gurgone - vincitori delle ultime edizioni». Ma a impensierire la squadra dei catanesi non sono solo i cugini d'Oltralpe. Da tenere d'occhio anche il Politecnico di Torino: «Saranno in pista con un nuovo prototipo». Nelle scorse edizioni l'Università di Catania aveva sfidato gli studenti dagli altri paesi con i prototipi Etna Revo ed Etna Revo 2.0.. Per essere della partita anche quest'anno, visto che però i fondi dell'ateneo non bastavano, il team di Gurgone aveva lanciato anche una campagna di crownfunding. La squadra Eco Hybrid Katane pesca dai dipartimenti di Ingegneria civile ed Architettura, Ingegneria elettrica, Elettronica ed Informatica.

Ma di cosa è capace Vulcan Fury, l'ultimo prodotto delle loro ricerche? Con una velocità massima di 60 chilometri orari il modello, costato «non più di diecimila euro», permette - stando ai dati registrati a Le Mans in occasione di Shell Eco Marathon France 2018 - di percorrere 135 chilometri al litro su circuito misto. Ma quest’anno i giovani studenti di Eco Hybrid Katane, grazie a un alleggerimento di 20 chili, puntano a raggiungere i 230 chilometri. Il tutto nel pieno rispetto dell’ambiente e della campagna plastic free. La vettura, infatti, è stata realizzata interamente con polimeri che non contengono materiale plastico. «Stiamo cercando - sottolinea il team leader - di sensibilizzare l’opinione pubblica ad allontanarsi dal normale utilizzo dei motori a combustione interna ad accensione comandata o diretta». E sullo sviluppo di nuovi motori a basso impatto ambientale, gli ingegneri in erba dimostrano di avere le idee chiare: «Nei prossimi anni il risparmio energetico si baserà sull’ibridazione del sistema di propulsione, e noi stiamo lavorando in quella direzione, anche se con qualche difficoltà». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.