Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scandalo università, Basile si dimette da rettore
«Scelta sofferta per difendermi con più libertà»

Il magnifico ha scritto una lettera al ministro dell'Istruzione Marco Bussetti. Finisce così l'esperienza cominciata a febbraio 2017. «Ho avuto modo di riflettere sulla decisione più opportuna da prendere», scrive il professore

Dario De Luca

Un nuovo capitolo dello scandalo giudiziario che riguarda l'università di Catania. Dopo il blitz della scorsa settimana con 66 indagati e 27 concorsi ritenuti truccati, sono arrivate le dimissioni del rettore Francesco Basile. Il professore questa mattina ha formalizzato le sue intenzioni, confermando alcune indiscrezioni che circolavano da diverse ore, con una lettera inviata al ministero dell'Istruzione Marco Bussetti. Nel calderone dell'inchiesta insieme all'ormai ex magnifico sono coinvolti anche i suoi due predecessori: Giacomo Pignataro e Antonino Recca. Basile era stato sospeso dalle funzioni su decisione del giudice per le indagini preliminari Carlo Umberto Cannella. Stessa misura adottata per sette direttori di dipartimento e per il pro rettore Giancarlo Magnano Di San Lio. Per tutti la procura aveva invece chiesto gli arresti domiciliari, e non è escluso un ricorso all'ordinanza nelle prossime ore. 

«Ho avuto modo di riflettere - scrive Basile nella sua missiva - sulle decisioni più opportune da prendere per il bene dell'ateneo. Con lo stesso spirito di servizio che ha contraddistinto il mio mandato e per il rispetto e la considerazione che ho sempre manifestato per il ruolo che ricopro e nei confronti della magistratura, ritengo doveroso rassegnare le mie dimissioni». L'ormai ex rettore definisce la sua come una scelta sofferta ma per «tutelare istituzioni, docenti e personale universitario a me particolarmente vicinO in questo momento».

Senza la carica di rettore Basile intende «con maggiore libertà e incisività, e senza condizionamenti esterni, dimostrare la mia assoluta estraneità ai fatti che mi vengono contestati». L'ex magnifico tra due giorni dovrà comparire al palazzo di giustizia per l'inizio degli interrogatori di garanzia. Intanto proprio ministro Bussetti ha intenzione di ussare il pugno duro nei confronti dei protagonisti di questa storia. In un'intervista al Messaggero ha spiegato di essere pronto, qualora le responsabilità vengano accertate, di annullare i concorsi ritenuti truccati. La prima misura annunciata però potrebbe essere la sospensione dei professori «non solo dalle commissioni di concorso, ma da qualsiasi eventuale rapporto di collaborazione in essere con il Miur».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×