Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il Volley Catania rinuncia alla A3 e scende in serie B
«Insegneremo la pallavolo ai nostri giovani migliori»

La società catanese, pur potendo partecipare alla Serie A3, ha deciso di ripartire un gradino più sotto. Con una volontà precisa, spiegata dal suo massimo dirigente: «Abbiamo fatto un coscienzioso passo indietro per strutturarci meglio e poi tornare su»

Giorgio Tosto

Fare un passo indietro non vuol significare necessariamente sprofondare: per compiere un balzo più grande, alle volte, bisogna prendere la rincorsa e partire da più lontano. È questo il concetto fondamentale espresso da Natale Aiello, presidente factotum di una Volley Catania che, dopo due altalenanti stagioni di Serie A2, ha deciso di ripartire dalla B. La riforma dei campionati, infatti, ha stravolto la geografia della pallavolo italiana maschile. Assieme alla Superlega è nata una A2 formata da 12 squadre a cui, poi, è stata aggiunta una mastodontica A3 a 24

«Abbiamo preso coscienza del fatto che saremmo stati sempre sotto pressione. Per questo - conferma a MeridioNews il presidente - siamo giunti col resto della dirigenza alla conclusione che scendere di una categoria ci avrebbe permesso di gestire meglio tutte le nostre risorse. Così facendo, infatti, avremo la possibilità di fare investimenti importanti sul settore giovanile e le attrezzature: tutti elementi che in A ci sono mancati». Una situazione che, guardando indietro nel tempo, è figlia di una promozione in A2 giunta quasi a sorpresa due anni fa. «In quella stagione tutto è stato straordinario: le varie componenti si erano incastrate alla perfezione - chiarisce il massimo dirigente -  dai ragazzi allo staff tecnico, fino ad arrivare a un pubblico grandioso». 

Il salto, però, si è sentito subito: «La nostra struttura societaria, nonostante tutto, non era ancora da A. Eravamo - precisa Aiello con grande onestà - un insieme di amici che, nelle serie inferiori, aveva avuto modo di vivere la pallavolo in maniera più serena». Il passaggio di categoria, dunque, è stato evidente: «La nostra quotidianità era quella di lottare per la sopravvivenza e non riuscire mai a chiudere bene tutti i conti. I costi per l'installazione del Taraflex (il pavimento utilizzato per la pallavolo, ndr), uniti a quelli per il video-check e la tassa di gara - ribadisce l'intervistato - erano enormi. Bisogna anche aggiungere, poi, la necessità di pagare l'emittente che trasmetteva in diretta streaming le nostre gare». A fine anno, quindi, c'è stata la necessità di salvare la società, cercando di fare le cose bene ma più in piccolo. 

«Torneremo a giocare al PalaAbramo (ex PalaSpedini, ndr), un impianto piccolo e funzionale e - si augura Aiello - speriamo possa venire sempre tanto pubblico. Creeremo una squadra che non abbia immediate velleità di risalita: partiremo dai nostri giovani migliori, a cui aggiungeremo due-tre innesti. Il nostro obiettivo sarà quello di insegnare pallavolo, formando i nostri giocatori del domani. La prossima dev'essere una stagione - insiste il presidente - in cui i nostri ragazzi possano prendere consapevolezza dei propri mezzi, per lanciarsi in questa categoria». Sullo sfondo ci saranno tanti derby infuocati: Acicastello, Bronte, Papiro Fiumefreddo e Gupe Battiati, tra le altre, caratterizzeranno il cammino del Volley Catania. In merito al tecnico, invece, la novità è data dal possibile ritorno in plancia di comando di Gianpietro Rigano, l'uomo della promozione: «Abbiamo parlato con lui - conclude Aiello - ma ciò non esclude che possano arrivare altri profili».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.