Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Zafferana Etnea: assaltano ristorante con pistola
Tra gli arrestati anche due giovanissimi del posto

Elis Kanani, Giuseppe Privitera e Alfio Russo sono accusati di avere architettato e messo in atto una rapina al ristorante Del bosco, sulla strada che da Zafferana va a Milo. Denunciato anche un quarto cittadino zafferanese. Guarda foto e video

Redazione

Prima avrebbero rubato una Fiat Uno a Zafferana Etnea e poi, con quell'auto, avrebbero fatto irruzione nel ristorante Del bosco, sulla strada che da Zafferana porta a Milo, con una pistola in pugno. Lì si sarebbero impossessati dei 150 euro contenuti nella cassa per poi risalire in macchina e fuggire. È con l'accusa di avere architettato tutto questo che sono stati arrestati dai carabinieri di Santa Venerina Elis Kanani (24 anni), Giuseppe Privitera (19 anni) e Alfio Russo (23 anni), il primo di origini albanesi e gli altri due, invece, zafferanesi. Per favoreggiamento personale, invece, è stato denunciato un quarto cittadino, di Zafferana anche lui, di 32 anni.

Dopo il colpo, effettuato con il volto coperto da passamontagna, i tre avrebbero abbandonato la Fiat Uno e avrebbero tentato di sparire a bordo di un furgone Fiat Ducato, guidato dalla quarta persona coinvolta. In questo passaggio, il gruppo è stato bloccato dai militari che, dopo avere ricevuto la segnalazione della rapina dal proprietario del locale (quest'ultimo aveva chiesto aiuto al 112), li hanno bloccati. Oltre alla Fiat Uno rubata, i carabinieri hanno recuperato la pistola (una riproduzione di quella in uso alle forze dell'ordine), i passamontagna, dei guanti in lattice monouso e l'intera refurtiva. Gli arrestati sono stati portati nel carcere di piazza Lanza.

Giuseppe Privitera

Alfio Russo

Elis Kanani

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×