Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Fossa dei leoni, la droga e la lettera inviata dal carcere
«Sto facendo il cane. Vita x favore fagli venire i vermi»

Gli atti dell'inchiesta sulla piazza di spaccio al viale Grimaldi 10 svelano l'organizzazione che sarebbe stata capeggiata da Rosario Ragonese e dal cognato Maurizio Girone. Oggetto delle lamentele di un pusher finito dietro le sbarre

Dario De Luca

«Rifornivo questa piazza di spaccio con almeno 100 chilogrammi di marijuana al mese e la vendevo a circa 2000 euro». Per tanto tempo, almeno dal 2012 al 2015, Sebastiano Sardo, oggi pentito e conosciuto con l'appellativo di Iano occhiolino, avrebbe riempito di droga la fossa dei leoni. Termine con cui viene riconosciuta la piazza di spaccio al viale Grimaldi 10, tra i quartieri San Giorgio e Villaggio Sant'Agata. Finita, nei giorni scorsi, al centro di un'operazione con 16 arresti eseguiti dai carabinieri della compagnia di Fontanarossa. Quattro mesi di appostamenti, riprese con sofisticate telecamere e intercettazioni per ricostruire il business che sarebbe stato gestito da Rosario Ragonese, detto 'u biondu e liuni biondo, insieme al cognato Maurizio Gaetano Girone. Entrambi, secondo i collaboratori di giustizia, affiliati al clan mafioso Cappello «e in particolare al gruppo del boss Orazio Privitera e Massimiliano Salvo». Grazie agli atti dell'inchiesta, adesso, emergono ulteriori particolari sulle modalità con cui i due avrebbero gestito il business della vendita al dettaglio del «formaggio», nome con cui vedette e pusher chiamavano cocaina e marijuana

La gestione era organizzata 24 ore su 24 con l'ormai solita suddivisione di ruoli. E con il passaggio delle dosi costantemente immortalato all'ingresso della scala H del complesso. Palazzoni di case popolari, costruite sotto il livello della strada principale (da qui il nome di fossa) in un'area residenziale in cui è possibile entrare e uscire da una sola rampa. Dal secondo piano, come si vede in diversi filmati, si alternavano gli addetti a calare le dosi, attraverso l'utilizzo di un secchio di plastica blu. Le figure «indispensabili» erano coloro che si occupavano di prelevare gli incassi e le immancabili vedette. Collegate tra loro attraverso una serie di ricetrasmittenti. Nei dialoghi intercettati non si pronunciano nomi, al massimo qualche appellativo come «il cinese» e «il grosso», ma numeri. Scelti in base alle rispettive posizioni: «Numero quattro gli serve stagnola?», chiedeva Antonio Carrubba. Dall'altro lato rispondeva Antony Lentini: «Sì, stagnola, stagnola, stagnola».

Ragonese, 42 anni fratello del killer Gino Ragonese, viene indicato dagli investigatori come «leader del gruppo e punto di riferimento del clan mafioso». Il presunto capo non viene mai ripreso mentre spaccia ma al viale Grimaldi 10 sarebbe stato una presenza costante. In particolare quando c'era qualche problema. Dal pusher schiaffeggiato, per avere consumato due dosi di cocaina provocando un danno di 40 euro, allo spacciatore finito in galera che lamentava attraverso una lettera le poche attenzioni nei suoi confronti. Per fare arrivare il messaggio al capo Massimo Rossello, mentre era detenuto nella casa circondariale di piazza Lanza, avrebbe adottato lo stratagemma di inserire la lettera per Ragonese dentro una busta contenente una seconda missiva, destinata al padre Antonio. «Vita è già un mese che sono chiuso, ma non mi interessa perché sappiamo che vita facciamo e vado incontro di quello che viene». Il problema per il pusher finito dietro le sbarre sarebbe stato Girone, il cognato del presunto capo: «Non mi ha mandato neanche un centesimo e sto facendo il cane per una sigaretta. Vita x favore pensaci tu e facci venire i vermi». 

Durante l'inchiesta, una delle scoperte più importanti è quella di un foglio manoscritto. Trovavo nelle disponibilità di Antonio Rossello (il padre del pusher detenuto). Una sorta di libro mastro dello spaccio fatto di sigle e numeri. Cocaina e marijuana venivano distinte con l'utilizzo delle lettera P (palline) e F (fumo). La lettera R invece indicava le rimanenze, cioè la droga invenduta. Queste voci, a loro volta, erano suddivise in colonne per i turni di spaccio: giorno e sera. In basso a destra, uno dopo l'altro, anche una serie di nomi e soprannomi, riferimenti, secondo la ricostruzione degli inquirenti, a tutti coloro che lavoravano nella piazza di spaccio. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.