Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bici, Stancanelli e la discordia tra ciclisti
«Sui nostri eventi fa campagna elettorale»

Un comunicato del sindaco di Catania annuncia una biciclettata notturna organizzata dal Comune per venerdì 28. Proprio la stessa idea, nello stesso giorno, lanciata dalla Critical mass etnea per festeggiare i dieci anni del movimento in città. Sulla pagina Facebook di Salvaiciclisti Catania scoppia la polemica. Un utente: «A pensar male viene il dubbio che di fondo ci sia stato un accordo». Il timore è di aver fornito un'occasione di campagna elettorale in cambio di piccole concessioni, come le rastrelliere per bici in città

Claudia Campese

Tra bici e pedale non mettere il Comune di Catania. A due giorni dai festeggiamenti per i dieci anni della Critical mass - il movimento per una città più a misura di bici - a Catania, un comunicato dell'amministrazione etnea rischia di spaccare i gruppi di appassionati. Al centro della polemica, la comunicazione del sindaco Raffaele Stancanelli della partecipazione del Comune alla settimana europea della mobilità - conclusa il 22 settembre - con una passeggiata notturna prevista per venerdì 28. Lo stesso giorno fissato per la biciclettata in onore del decennale di Critical mass che, ormai da gennaio, ha appuntamento fisso proprio l'ultimo venerdì del mese. Forse non una coincidenza, peccato che nel comunicato dell'amministrazione non si faccia cenno al movimento a due ruote. In alcuni ciclisti si insinua così il dubbio di una campagna elettorale condotta sfruttando l'immagine della Critical mass.

A chiedere chiarimenti sul gruppo Facebook di Salvaiciclisti Catania - che da mesi raccoglie appassionati e neo-pedalatori cittadini - è Giuseppe Palumbo. «Chiarimenti su come mai nessuno si fosse lamentato del fatto che il Comune stesse cavalcando l’onda della ciclabilità sostenibile» spiega. «Tristissimo tentativo del Comune di attribuirsi raduni e partecipazione - lo anticipava di poco sulla stessa pagina un altro utente dal nickname Dylav Luke - Pochi capiranno cosa c'è che non va, l'importante è che si capisca che c'è chi non è d'accordo. Critical Mass è un movimento libero e non uno specchietto promozionale per campagna elettorale».

Ma all'interno del gruppo la discussione si anima. Il commento di Giuseppe Palumbo viene rimosso e lui stesso escluso dalla pagina Facebook ad opera di uno degli amministratori, Andrea Genovese. Stessa sorte tocca anche a Dylav. «I messaggi off-topic cioè fuori tema verranno cancellati», avverte Genovese sulla bacheca. Rimandando al manifesto del movimento: «Popolare e spontaneo indipendente da partiti e associazioni - si legge - che chiede alla politica interventi mirati per aumentare la sicurezza dei ciclisti sulle strade italiane». «A pensar male - risponde Palumbo dalle pagine del blog Res. Ca. - viene il dubbio che di fondo ci sia stato un accordo fra il Comune e qualcuno all’interno del movimento di Salvaiciclisti Catania che reputano tutto un off-topic». «In realtà, dopo la riflessione di Giuseppe Palumbo, si era scatenata una discussione dai toni inaccettabili – spiega un altro moderatore, Attilio Pavone – E per questo Genovese ha escluso tutti, colpevoli e non, andando di accetta». Un equivoco insomma.

Ma ormai il danno è fatto e sulla stessa pagina Facebook del gruppo alcuni utenti si schierano con Palumbo e Dylav. «Cancellate anche me», scrivono oggi provocatoriamente ma non troppo. E «godetevi le vostre corsie dell'autobus», da poco aperte – ma non tutte – anche ai ciclisti. A distanza di poche ore, i due utenti ribelli vengono nuovamente ammessi alla pagina da Pavone. La polemica viene ridimensionata, i chiarimenti avverranno a livello personale, ma resta la domanda di Palumbo: «Perché nessuno smentisce che l'evento non è organizzato dal Comune ma dalla Critical mass? L'amministrazione fino a ieri ignorava i ciclisti».

Il timore, per l'appassionato delle due ruote a pedali, è quello di una strumentalizzazione politica di Salvaiciclisti Catania in vista delle elezioni comunali etnee del prossimo anno. «Magari giorno 28 vi ritroverete a passeggiare accanto al sindaco, che magari nel frattempo vi chiederà il voto perché il Comune ha organizzato l’evento - scrive sempre Palumbo su Res. Ca. - Visto che nemmeno chi organizza la passeggiata mensile ci tiene a smentire». Il rischio è che poche concessioni comunali, come le tanto attese rastrelliere per parcheggiare in sicurezza la bici in città, bastino a far abbassare la guardia e ammorbidire le rivendicazioni dei ciclisti catanesi. «Magari qualcuno diventerà il cavaliere delle rastrelliere a Catania», ironizza Palumbo sul bando comunale rivolto ai privati per la realizzazione degli stalli. Ma Attilio Pavone, anche tra gli organizzatori della Critical mass, rassicura: «Sappiamo che in molti, e non solo il Comune di Catania, cercano di sfruttare il tema per avere visibilità – spiega – Ma noi non siamo così ingenui. Senza considerare che i ciclisti a Catania, anche se in crescita, non sono poi un così grande bacino elettorale». Non saranno delle rastrelliere per bici a orientare il voto, secondo Pavone. «Ma erano comunque tra le nostre richieste – conclude – Se anche il Comune avesse accettato di promuoverle per farsi campagna elettorale, almeno quelle resteranno alla città. Sempre meglio di promesse che non si faranno mai».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×