Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Incendio Playa, lunga notte dei roghi ancora accesi
«Tutto è cominciato da terreni senza manutenzione»

In un viale Kennedy buio e silenzioso, il fumo invade tutte le carreggiate e rende difficile respirare. Il campo rom brucia ancora mentre il chiosco bar prima della spiaggia libera numero uno è ridotto a uno scheletro. Guarda le foto

Foto di: Luisa Santangelo, Marta Silvestre

Foto di: Luisa Santangelo, Marta Silvestre

«E chi ha il coraggio di tornare a casa?». I cancelli degli stabilimenti balneari accanto al lido Europa sono stipati di gente. I titolari delle strutture e i loro parenti sono tutti seduti a osservare con ansia l'altra parte della strada, dove ancora le sterpaglie bruciano e quello che resta degli alberi sono tizzoni ardenti. Viale Kennedy, ieri notte, era un posto buio e silenzioso. Pochissime automobili, per lo più di curiosi, e i lampeggianti dei vigili del fuoco a dare il senso dell'orientamento, mentre il fumo invade tutte le carreggiate e rende difficile respirare. La situazione peggiore è proprio all'imbocco della strada che costeggia il lungomare sabbioso della città: il lido Maeva beach è inaccessibile ma i segni del passaggio delle fiamme si vedono già all'esterno, sulle insegne per metà mangiate dal fuoco.

Il campo rom alle spalle della stazione di servizio, proprio di fronte al Maeva beach, brucia ancora. I vigili del fuoco e gli altri mezzi di soccorso si sono stabiliti nel campo da calcio in terra battuta proprio lì accanto, ma nessuno ci impedisce di entrare nello slargo che fino all'altro ieri ospitava una baraccopoli. Per terra ci sono solo cenere, cocci di vetro e grossi topi che si fanno spazio tra le macerie. Sette bombole a gas sono posizionate una accanto all'altra di fronte alla carcassa di un'automobile del tutto bruciata. Poco distante ce n'è una seconda, distrutta dal fuoco solo a metà e quindi più facilmente riconoscibile: è una Fiat Panda rossa. L'area del campo rom è una delle due che sembra continuare ad alimentare l'incendio che illumina la notte, anche se ormai quasi domato.

Il chiosco bar prima della spiaggia libera numero uno è ridotto a uno scheletro, gli alberi della colonia Victorine Le Dieu crollano con una folata di vento più forte delle altre e così l'aria si riempie di piccole micce pronte a innescare nuovi roghi. «Io ho montato alle 8, stamattina, e sono ancora qua», dice a MeridioNews un vigile del fuoco fermo nei pressi di un semaforo che si è sciolto. «Veniamo da Messina, siamo stati chiamati di rinforzo. Ma qua è tutto devastato, non è rimasto niente - dice - Io non so com'era prima, ma adesso è un deserto». Fino alle 19 a dare una mano alle unità di terra c'erano i mezzi aerei - della forestale e dello stesso corpo dei vigili del fuoco - ma dopo il tramonto «non possono più volare e rimaniamo noi qui da soli. Non contano i turni, gli orari né niente». «Buon lavoro», gli diciamo. «Sarebbe meglio "Buon riposo"», dice lui.

«Abbiamo visto cominciare tutto dall'altra parte della strada, nei terreni». Parlano tutti insieme i gestori di un lido accanto al più sfortunato lido Europa. «Nei terreni» è pronunciato quasi con disprezzo, perché l'area in cui il rogo si è sviluppato, secondo loro, non è proprietà pubblica, bensì privata. «Campagne sterminate senza nessuna manutenzione - continua una donna - Però sarebbe contro la legge o mi sbaglio? Dovrebbero pensarci loro, o conosco male la legge?». In realtà la signora ha ragione. E per motivi di sicurezza l'amministrazione comunale può eseguire i lavori di bonifica e poi chiedere indietro i soldi ai privati. «Ma a noi, adesso, tutto questo danno che abbiamo subito, chi ce lo paga? - conclude la signora - Nessuno ce lo paga. Come sempre, i soldi li esce solo chi è nel giusto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.