Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ospedale di Giarre, blitz al laboratorio di patologia
Carabinieri sequestrano dispositivi medici scaduti

Un medico di 63 anni, direttore dell'unità operativa del presidio, è stato denunciato dai militari del Nas. L'uso di reagenti non in regola avrebbe potuto - e forse è gia accaduto - falsare l'esito dei test clinici e portare a diagnosi errate

Redazione

Ben 52 dispositivi medici scaduti e sequestrati che avrebbero potuto - o forse è già accaduto - falsare l'esito di analisi cliniche o la taratura delle apparecchiature diagnostiche. Questo l'esito di un'ispezione condotta dai carabinieri del Nas di Catania e della stazione di Macchia di Giarre all'ospedale San Giovanni di Dio e Sant'Isidoro. Il blitz dei militari ha interessato il laboratorio di patologia clinica del presidio. Denunciato un medico di 63 anni, direttore dell'unità operativa della struttura, che dovrà rispondere per aver riportato falsi valori nei certificati di analisi emessi dal laboratorio.

I reagenti scaduti, come sottolineano le forze dell'ordine, perdono la conformità e la qualità imposta dal produttore non garantendo più l’affidabilità dei test. Ne deriva un alto rischio di diagnosi errate e cure inappropriate. Nei giorni scorsi era stato il Comitato giarrese Rivogliamo l'ospedale a presentare ai carabinieri di Macchia una denuncia su quelle che venivano ritenute «palesi anomalie» all'interno del laboratorio.

L'iniziativa prendeva spunto da una segnalazione sul presunto uso di reagenti scaduti per analisi finite in referti attestati direttamente dal responsabile. «Pare che i marcatori cardiaci fossero scaduti - fa sapere Angelo Larosa, coordinatore del Comitato - e per questo abbiamo ritenuto opportuno denunciare. Ancora una volta l'ospedale di Giarre è oggetto di poche attenzioni anche da parte dello stesso personale - anche se non tutti sono uguali - comportamenti che potrebbero diventare un grave rischio per la salute dei cittadini», conclude l'attivista.

Intanto, attraverso una nota dell'Asp di Catania, l'assessore regionale alla Salute Ruggero Razza fa sapere di aver disposto «ogni accertamento ispettivo utile a fare chiarezza sulla vicenda». «Saranno attivati i procedimenti disciplinari contestando le violazioni che dovessero emergere - aggiunge Domenico Neri, direttore del dipartimento Diagnostica di Laboratorio dell’Asp - e verranno controllati in tutte le strutture di Diagnostica sia l’intero processo analitico, sia la stabilità dei reagenti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.