Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, rapinatori seriali finiscono in manette

Redazione

La Polizia di Stato ha arrestato D’AGATE Vincenzo (cl.1992), D’AGATE Antonino (cl 1988), D’AGATE Gaetano (cl. 1987) e SCIUTO Alexandro Alfio (cl. 1986) in esecuzione del provvedimento applicativo di misura cautelare emesso dal G.I.P. del Tribunale di Catania su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia in quanto ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di rapina, detenzione e porto abusivo di arma da fuoco.

Le indagini svolte dal personale del Commissariato P.S. di Adrano e della Squadra Mobile di Catania hanno avuto inizio a seguito di una serie di rapine perpetrate, lo scorso inverno, ai danni di esercizi commerciali (stazioni di servizio e bar) di Adrano, da alcuni malviventi armati di pistola.

Gli accertamenti esperiti dal personale del predetto Commissariato hanno consentito di individuare una delle autovetture utilizzate per la commissione delle rapine nonché il suo utilizzatore, in D’AGATE Vincenzo dimorante a Regalbuto (EN).

Le investigazioni hanno permesso di accertare come D’AGATE Vincenzo collaborato dai fratelli Antonino e Gaetano si sia reso responsabile di almeno due rapine. Una commessa in data 26.2.2019 ai danni di un distributore di carburanti di Adrano che ha fruttato un bottino di euro 290,00 e l’altra commessa in data 27.3.2019, ai danni di un bar del medesimo comune che ha fruttato un bottino di euro 200,00.

I tre malviventi potevano fare affidamento sulla collaborazione di SCIUTO Alexandro Alfio che custodiva l’arma utilizzata per commettere le rapine.

In base agli elementi di prova raccolti a D’AGATE Vincenzo e D’AGATE Antonino il G.I.P. ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere.

A D’AGATE Gaetano e SCIUTO Alexandro Alfio quella degli arresti domiciliari.

(Fonte: questura di Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.