Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Incendio alla Playa, ridotto in cenere il campo rom
È salva l'area del Boschetto nei pressi del laghetto

Stamattina continua la conta dei danni dopo i roghi che hanno distrutto buona parte dei terreni di viale Kennedy. Nei diecimila metri quadrati sul retro del bowling che ospitavano la baraccopoli non è rimasto in piedi nulla. Guarda le foto

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

C'è una maglietta rosa da bambina ancora appesa con le mollette a un filo. Devono averla piazzata là ad asciugare ed è una delle poche cose rimaste integre del campo rom di viale Kennedy. Il terreno di circa diecimila metri quadrati che ospitava la baraccopoli è completamente bruciato nel corso dell'incendio di ieri alla Playa. I vigili del fuoco sono ancora lì: le fiamme hanno smesso di ardere, ma dai cumuli di macerie sale un fumo nero che il vento spinge verso la fine della tangenziale e riduce notevolmente la visibilità sulla strada. «Ci manca solo un incidente a catena con le macchine», dicono i pompieri che tentano di spegnere l'enorme distesa di braci ancora ardenti. Fa così caldo che le suole delle scarpe si sciolgono. All'interno dell'area è arrivato anche il personale di una ditta che si occupa di recupero materiali ferrosi: con un ragno meccanico sollevano la Fiat Panda rossa che ieri notte si trovava nel parcheggio accanto al distributore di carburante e che stamattina, invece, è stata portata all'interno dell'area del campo rom. La targa è stata rimossa.

Dai rifiuti vengono portati via i pezzi di ferro ancora recuperabili. Le lastre di eternit danneggiate vengono accatastate una sopra l'altra e viene salvata anche una vecchia stufa di ghisa, annerita ma intatta. Non c'è altro. Diverse automobili immatricolate in Bulgaria arrivano a controllare la situazione e vanno via dopo un breve sopralluogo. Sono piene per lo più di uomini molto giovani. Nel frattempo arriva anche una ruspa, portata da un autocarro del Comune di Catania per continuare a spianare. 

È tempo di conta dei danni anche al lido Maeva beach, proprio lì di fronte: all'ingresso c'è uno dei lavoratori. Uno degli ultimi cinque, dice lui, a essere salvato con i gommoni e portato al porto di Catania. «Qui l'inferno è iniziato alle 14.15 ma non si è visto un vigile del fuoco - sostiene - Sono arrivati alle 15 e ci hanno solo dato indicazioni su quello che dovevamo fare. L'evacuazione l'abbiamo fatta noi». I primi a essere salvati sono stati i quaranta bambini del grest. E lo stesso titolare è stato portato sul gommone dei vigili del fuoco con una branda tenuta dai dipendenti. 

Delle circa 250 cabine, ne sono andate in fumo almeno 200. Ma l'area ristorazione e gli acquascivoli si sono salvati. Tanto che la speranza è di riuscire a riaprire, nonostante le difficoltà, tra una decina di giorni. Il tempo di ripulire e sistemare. «Abbiamo fatto tutto da soli», insiste il lavoratore. E non è il solo. Già ieri una cittadina aveva lamentato la lentezza dell'intervento. Che però si spiega con la quantità di interventi dei vigili del fuoco in tutta la provincia di Catania, ieri: quasi una quarantina, tutti intorno a ora di pranzo, in zone diverse della città. A questo va sommata la cronica carenza di uomini e mezzi di un comparto che da anni lamenta il sottodimensionamento. «So che è difficile lavorare per tutte quelle ore consecutive, anche se è previsto dal contratto - dice in conferenza stampa il capo del corpo nazionale dei vigili del fuoco Fabio Dattilo - A tutti coloro che erano sul campo va il mio grazie». 

Di pompieri sul campo ce ne sono tanti anche oggi. L'emergenza è passata, ma la conta dei danni continua. Al lido Europa l'area comune è andata in fumo, così come una fila di cabine. Ma il danno sembra più contenuto (rimanendo di estrema gravità) del previsto. Una zona tutto sommato poco colpita è quella del boschetto della Playa: nell'area che va dal laghetto all'ingresso laterale sembrano non esserci danni. Il fuoco ha invece distrutto buona parte della porzione di territorio dove stavano i cavalli della polizia e della municipale. Tutti gli animali sono stati portati in salvo all'Istituto di incremento ippico di via Vittorio Emanuele, in attesa di trovare una nuova collocazione. Che probabilmente sarà sempre al boschetto, una volta terminata la bonifica. Le palme e i canneti sono inceneriti fino al retro del Palaghiaccio e oltre, ma la parte maggiormente frequentata dai catanesi è ancora verde e rigogliosa. Così come sono rimaste intatte le piante, è rimasta intatta anche la spazzatura

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.