Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

India, perché i bambini scompaiono
La conseguenza inaspettata del boom

Dietro l'incredibile crescita economica del paese asiatico si celano una serie di problemi che hanno alla base il mancato sviluppo del sistemo giudiziario. Non cresce, né migliora. Soprattutto nei confronti del più cruciale problema sociale indiano: la scomparsa dei bambini. Secondo un’associazione locale 117.480 minori sono stati dichiarati ufficialmente scomparsi negli ultimi due anni

Stefano Gurciullo

India è uno di quei Paesi che gli investitori chiamano mercato emergente. E’ terra vergine, linfa per il capitalismo finanziario moderno. Le multinazionali sono ben accolte in tutti i settori: commercio al dettaglio, aviazione, energia, comunicazioni. E’ la loro terza destinazione preferita, seconda solo a Cina e Stati Uniti. E i risultati si vedono: il prodotto interno lordo indiano era di circa 500 miliardi di dollari nel 2000; ora corre verso i 2 trilioni.

Nascosto dietro la crescita economica e i nuovi grattacieli sta però inerte il sistema giudiziario. Non cresce, non migliora. Soprattutto nei confronti del più cruciale problema sociale indiano: la scomparsa dei bambini. Un’associazione no-profit, Bachpan Bachao Andolan, dichiara che 117.480 minori sono stati dichiarati ufficialmente scomparsi negli ultimi due anni. Ed è solo la punta dell’iceberg. La cifra non conta tutti quei casi in cui i cui genitori non sono andati dalla polizia a denunciare, per scetticismo o ignoranza.

Fino a pochi anni fa il mistero non disturbava la società indiana. E’ stato il sangue, come al solito, a svegliare le menti. Nel gennaio 2007 sono stati ritrovati i corpi di diciassette ragazze scomparse in un quartiere di Nuova Delhi. L’oltraggio fu tale che l’opinione pubblica, finalmente, accolse con gioia le grida di chi denunciava i crimini da tempo.

Le ragioni dei rapimenti sembrano avere lo stesso sapore del traffico di esseri umani negli altri Paesi. I bambini sono usati come cavie per test medici e nella compravendita di organi. Sono costretti a prostituirsi, rubare, chiedere l’elemosina. C’è, però, una particolarità tutta indiana: la stragrande maggioranza è al lavoro forzato, nei campi.

La crescita economica indiana è trainata in buona parte dalle campagne. Il Paese è il secondo al mondo nel commercio di beni agricoli e di allevamento, aree che occupano il 50% dei lavoratori. Riso e latte di bufala sono i prodotti più diffusi. La crescita del settore è tale da aver creato una profonda scarsità di forza lavoro a poco prezzo. Ed è qui che entra il business dei bambini. Una miriade di mani per un tozzo di pane al giorno.

Le forze dell’ordine hanno poche armi e poca preparazione per contrastare il fenomeno. In India, paradossalmente, non esiste ancora una definizione legislativa di traffico di minori. E’ inaccettabile, ma senza quel punto di inizio magistrati e polizia non possono far molto. Sarebbe come accusare qualcuno di un reato che non esiste.

Manca anche la volontà politica. Il governo centrale e i vari governi federali sono sordi alle richieste di creazione di una database nazionale che racchiuda tutte le informazioni disponibili sui bambini scomparsi. Forze di polizia in regioni diverse non hanno modo di condividere i dati, né questi sono di facile accesso ai non addetti ai lavori.

Sono quelle che gli economisti chiamano conseguenze inaspettate. Lo sviluppo economico ha fomentato una forte domanda di forza lavoro low-cost, ed è stato il crimine organizzato a soddisfarla, libero di muoversi grazie alla stagnazione della giustizia. Non c’è crescita se la crescita è sbilanciata.

 

[Foto di ahmedbashu3]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×