Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna, chiesto giudizio per Russo Morosoli e altri 18
Prosciolti i sindaci Salvo Puglisi e Angelo Pulvirenti

Si è ridotto da 23 a 19 il numero di soggetti coinvolti nel procedimento penale. L'udienza preliminare si terrà il prossimo 6 settembre davanti al giudice Giancarlo Cascino. Le aspiranti guide e sette giornalisti sono considerati parte offesa dalla procura

Francesco Vasta

Il proprietario della funivia dell'Etna Francesco Russo Morosoli, i suoi più fidati collaboratori, ma anche gli ex vertici del Collegio regionale delle guide vulcanologiche e due esponenti delle forze dell'ordine devono andare a giudizio. Questa la richiesta dei magistrati della procura di Catania Alessandra Tasciotti e Fabrizio Aliotta depositata agli inizi di giugno. L'udienza preliminare sull'inchiesta Aetnacostata i domiciliari all'ex monopolista delle escursioni ai crateri del vulcano, si terrà il prossimo 6 settembre davanti al giudice Giancarlo Cascino. Si è ridotto da 23 a 19 - più la società Russo Morosoli Invest - il numero dei soggetti coinvolti nel procedimento e possono sorridere i sindaci di Linguaglossa, Salvatore Puglisi, e di Nicolosi, Angelo Pulvirenti. Assieme al tenente colonnello della guardia di finanza Sergio Cerra e alla consigliera di Castiglione di Sicilia Stefania Russotti sono stati prosciolti dalle accuse.

Resta invece in piedi il quadro a carico dell'ex dirigente Affari generali del Comune di Linguaglossa, Franco Barone, dei dirigenti della Funivia Salvo Di Franco, Simone Lo Grasso e del consulente di Russo Morosoli, ex candidato sindaco a Piedimonte Etneo, Alberto Puglisi. Per la procura sono loro i complici del patron della funivia nelle presunte manovre illecite sugli appalti del 2016, 2017 e 2018 banditi dai Comuni di Linguaglossa e Castiglione per affidare il business dei trasporti turistici fino ai crateri dell'Etna. I reati ipotizzati, fra le altre cose, sono corruzione, turbativa d'asta, abuso e rivelazione di segreti d'ufficio

L'altro pilastro dell'inchiesta etnea riguarda il concorso di maggio 2018 per abilitare nuove guide vulcanologiche. L'ex presidente del Collegio delle guide Biagio Ragonese, i suoi colleghi Antonio Rizzo e Orazio Distefano - dipendente del parco dell'Etna - sono protagonisti della presunta parentopoli che avrebbe portato alcuni dei loro figli a vincere la selezione pubblica organizzata dallo stesso Collegio. Imputati davanti al gup saranno anche i componenti della commissione d'esame, ovvero le guide alpine Gianni Trepin, allora presidente dell'organo, Mario TallerAlberto Felicetti, Angelo Nicotra, il funzionario regionale Giuseppe Dentici, il ricercatore dell'Ingv di Catania Stefano Branca. Avrebbero lasciato che Ragonese, Rizzo e Distefano organizzassero il percorso della prova e i questionari teorici modellandoli sui loro figli, messi a conoscenza in anticipo della natura del test di selezione, a scapito di oltre novanta partecipanti.

Sette di loro, autori anche dei ricorsi alla giustizia amministrativa per bloccare l'efficacia del concorso, sono stati individuati dalla procura come persone offese e dunque potranno costituirsi come parte civile. Stessa sorte per sette ex giornalisti dell'emittente di Russo Morosoli, Ultima tvchiusa a gennaio dopo l'inchiesta. L'imprenditore, secondo i magistrati, li avrebbe costretti a rinunciare al loro diritto alla stabilizzazione, facendo loro accettare contratti interinali dietro minaccia di licenziamento.

Imputati infine anche l'ex forestale Carmelo Cavallaro, implicato nella presunta turbativa del bando per le escursioni del 2017 a Linguaglossa, e il dirigente dell'ex Azienda foreste demaniali Nino De Marco. Finito sotto accusa per lo scambio fra gli strategici terreni demaniali in alta quota, assegnati a Russo Morosoli per le escursioni, in cambio di alcuni immobili a Catania dove il Dipartimento per lo sviluppo rurale ha spostato i suoi uffici. Chiudono l'elenco il comandante del nucleo operativo della Forestale, commissario del parco dei Nebrodi, Luca Ferlito - accusato di «asservimento della sua funzione» al patron della funivia - e il poliziotto Alessandro Galante, coinvolto nella presunta assegnazione fraudolenta dell'immobile di Monte Conca alla Star srl, storica società del gruppo Russo Morosoli oggi confluita nella Russo Morosoli Invest.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.