Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Marano-Fava, «rottura o continuità?»
Regionali, l’analisi del nostro blogger

Il nostro esperto di comunicazione politica propone una riflessione sulla corsa alla presidenza della Regione di Giovanna Marano, sindacalista della Fiom entrata in gioco dopo «il fallimento politico» e l'uscita di scena di Claudio Fava. Un'analisi su due punti: il contesto e la candidatura. E su una «strategia vittimistica». «Bisogna capire se ai siciliani interessa più una vicenda di "carte e scartoffie" o il lavoro e il futuro dei giovani», scrive sul blog Cannoli&Politica

Mario Grasso

Sul caso Fava sono già state spese tante parole. Chi parla di complottismo, poteri forti, spie ma anche di incompetenza, inadeguatezza dello staff, lontananza dalle vicende siciliane da parte del candidato. Questi, a mio avviso, sono i due poli su cui si sono concentrati articoli, commenti, servizi televisivi: insomma, il dibattito politico intorno al fallimento della candidatura di Claudio Fava alla presidenza della Regione siciliana. Così, il ticket Marano-Fava esordisce a un mese esatto dall’election day siciliano tra gli strascichi della polemica e i malumori interni dei vari «cespugli» coalizzati intorno al duo che si opporrà agli altri candidati.

La mia riflessione sarà sobria ed essenziale. Una riflessione su due punti: l’analisi del contesto e la candidatura di Giovanna Marano. Cosa intendo per analisi del contesto? Uno dei primi passi da compiere per chi (candidato, staff, consulenti, ecc.) affronta una competizione elettorale è quello della comprensione del contesto elettorale. Con quale legge si vota? Cosa prevede questa legge? Quali sono le scadenze da rispettare? Ognuno faccia le proprie considerazioni. Se a questo aggiungiamo che Fava da giugno aveva già lanciato la sua candidatura, il cerchio dei commenti si restringe.

Passiamo alla candidatura di Giovanna Marano. Solitamente (certo, questo è un caso un po’ particolare) sono due le strade da seguire per chi riceve un «testimone» politico: la continuità (come «delfino» del leader uscente) o la rottura. Giovanna Marano dichiara di voler dare continuità al progetto Fava, di «andare avanti». Sceglie la prima strada. E, forse, non poteva essere altrimenti. Anche se, a mio avviso, con qualche piccola indecisione.

Perché bisogna capire se una strategia «vittimistica» legata al cavillo burocratico possa far recuperare (o mantenere lo stesso) terreno alla coalizione in termini di consenso, oppure dovrà cambiare strada tornando sul percorso già tracciato dalla campagna elettorale di Fava fino ai giorni antecedenti alla tegola che si è abbattuta sull’ex candidato di Sel.
Bisogna capire se ai siciliani interessa più una vicenda di «carte e scartoffie» o, come ha detto Marano durante la conferenza stampa di presentazione della sua candidatura, il lavoro e il futuro dei giovani siciliani. Agli elettori l’ardua sentenza.

[Foto di Un ragazzo chiamato Bi]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×